Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneUniversità · 2 mesi fa

Università a 32 anni?

Premetto che ho già una laurea triennale in lingue che non mi ha mai aiutato. Ho sempre lavorato con le cooperative, ma non avere una laurea in scienze dell'educazione mi ha sempre impedito di andare avanti (soprattutto con gli stranieri, con chi ha problemi sociali ecc). Che ne pensate? Non vorrei trovarmi a 35 anni sotto a un ponte...

3 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa

    Oggi le lauree triennali servono a poco e nulla, con l'esclusione di Scienze della comunicazione e, per tua fortuna, di Scienze dell'educazione, più utile delle stesse magistrali correlate. 

    Certo hai 32 anni e certo finisci a 35, ma devi considerare che a) hai due lauree che possono conciliarsi, e b) potresti vantare una maggiore esperienza, ma certo dipende anche da che cosa hai fatto di concreto. 

    Come ti dice Violet, discipline quali la linguistica, la letteratura e la filologia non pagano: tornano utili solo ed esclusivamente se vuoi insegnare, ma non sono competenze "dure" spendibili nel mondo del lavoro. Io anche ho studiato Lingue, e ho una magistrale in Letterature comparate, disciplina che in Italia conoscono solo i docenti universitari e gli studenti di tale materia, presente in parecchi dipartimenti umanistici. Nel mio corso erano presenti gli insegnamenti di storia dell'arte contemporanea, nel cinema ecc, materie che un comparatista deve conoscere. 

    Per il dottorato, alla tua età non è altamente consigliabile, ma in realtà lo sconsiglio pure a un 24enne: io ci sono passato, sempre in Letterature comparate, ma sono assolutamente consapevole che, al di fuori del mondo universitario, nessuno considererebbe il mio titolo, perché in primo luogo nessuno sa cosa sia la letteratura comparata, in seconda battuta perché è pur sempre una "cosa" inutile, cioè la letteratura. Persino un dottore in Fisica avrebbe qualche difficoltà, ma certamente il fatto che abbia studiato fisica gli aprirebbe più porte (un potenziale datore di lavoro direbbe: "non so che caspita sia un dottorato, ma questo ha scritto roba sulla fisica, ha anche tenuto dei corsi per gli studenti all'uni, cavolo deve avere una gran testa, prendiamolo!"). 

    Scienze dell'educazione dà delle competenze SERIE per il tuo settore di riferimento (privato-sociale), e sicuramente essere competenti in psicologia o sociologia è ben più utile che sapere di filologia germanica, letteratura ceca o storia della lingua inglese (ma ripeto: a meno che tu non voglia insegnare o prendere la via del dottorato). 

  • Violet
    Lv 7
    2 mesi fa

    La laurea in lingue da sola offre ben poche possibilità, anche perchè purtroppo spesso si studiano poco le lingue, ma ci si dedica più a letteratura, linguistica e simili... discipline bellissime, ma che poi hanno sbocco solo nell'insegnamento o nella ricerca. Pertanto o ti butti nell'insegnamento o prosegui con un dottorato sperando di riuscire a fare il ricercatore oppure puoi unire le competenze linguistiche a qualcosa di concreto. Il punto è: cosa vuoi fare tu?  Se il lavoro che fai nella cooperativa ti piace potresri valutare una seconda laurea per diventare educatore. Non ti posso assicurare che avrai un lavoro a 35 anni, ma aumenterai le tue chance di ottenerlo. Altrimenti, se ti piace, prendi i crediti per l'insegnamento e ti butti in questo settore, certo i primi anni sarai precario, ma magari tra 4 o 5 anni potrai avere una posizione stabile. 

    Il dottorato non te lo consiglio, iniziare a 32 anni significa finire a 36 e poi c'è solo incertezza... rischi di arrivare a 40 anni senza niente. 

    Ciao:-)

  • Rocco
    Lv 4
    2 mesi fa

    Sinceramente iniziare una facoltà, utile, andrebbe più che bene.Scegli quel che preferisci!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.