Sascha ha chiesto in Matematica e scienzeMatematica · 4 mesi fa

Ma in matematica un algoritmo sono le formule?

13 risposte

Classificazione
  • Ma che cavolate  dici ?

  • mg
    Lv 7
    4 mesi fa

    Un algoritmo è un procedimento per raggiungere un risultato. 

    Una formula finale può essere il risultato di una serie di operazioni, di procedure, quindi può essere il risultato di un algoritmo.

  • 4 mesi fa

    Ma che cagáte spari?? Ma va' a dormire che è meglio.

     

    Dai ti spiego: in matematica un algoritmo è una sequenza di passaggi finita definita ordinatamente in modo concreto e preciso che serve a risolvere un problema.

    Per esempio le operazioni in colonna, perché sono delle serie ripetitive di passaggi, oppure la divisione di un polinomio per un binomio mediante la regola di Ruffini.

    Capito???

  • exProf
    Lv 7
    4 mesi fa

    NO, VALE PIUTTOSTO IL VICEVERSA: le formule sono algoritmi del tipo "puramente sequenziale" secondo la classificazione Jacopini-Böhm ("si può costruire qualsiasi algoritmo coi soli costrutti di {sequenza, biforcazione, ripetizione}").

    Aggiungendo alla sequenza anche la biforcazione si ottiene un algoritmo del tipo "albero di decisione" che non si può più esprimere con una sola formula, ma necessita di più formule collegate dal connettivo "oppure".

    Infine la presenza anche di una sola ripetizione (o ricorsione) dà l'algoritmo più generale, non rappresentabile in formule.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    4 mesi fa

    Un algoritmo è una procedura articolata in passi che genera uno o più risultati in un tempo finito a partire dai dati

    Quindi una o più formule possono essere una parte di un algoritmo ma questo può usare anche altre strategie.

    Come esempio potresti provare a tradurre in algoritmo il problema di determinare le misure dei cateti di un triangolo rettangolo di cui sono noti perimetro e area. 

  • Anonimo
    4 mesi fa

    Le formule prima di essere formulate.hanno.bisogno di algoritmi quindi la tua domanda è sensata

  • Bruno
    Lv 7
    4 mesi fa

    a quello che so io algoritmo è un insieme di azioni

    esempio.....voglio bere acqua al bar......faccio 10 passi, entro nel bar, chiedo acqua, aspetto che la versi....bevo acqua...pago e esco

    tutto  questo è un algoritmo

    non sono sicuro però...io l'ho studiato nel 1975.....magari è cambiato

  • 4 mesi fa

    Aggiungendo alla sequenza anche la biforcazione si ottiene un algoritmo del tipo "albero di decisione" che non si può più esprimere con una sola formula, ma necessita di più formule collegate dal connettivo "oppure".Un algoritmo è una procedura articolata in passi che genera uno o più risultati in un tempo finito a partire dai dati

    Quindi una o più formule possono essere una parte di un algoritmo ma questo può usare anche altre strategie.

    Come esempio potresti provare a tradurre in algoritmo il problema di determinare le misure dei cateti di un triangolo rettangolo di cui sono noti perimetro e areaCiao, in teoria sono delle cosiddette " formule", sarebbero delle impostazioni matematiche che poi andranno a servir il calcolatore in questione, per eseguire la lavorazione del software desiderato.

    Es: per programmare una macchina caffe', quelle delle aziende...All'interno trovi dei microprocessori programnati da terzi che svolgono un algoritmo. . 1)calcolare il quadrato della lunghezza di un cateto;2)calcolare il quadrato della lunghezza dell'altro cateto;3)sommare i valori ottenuti al punto 1) e 2);4)applicare un algoritmo per l'estrazione di radice quadrata al valore ottenuto al punto 3).Naturalmente dalla formula a²+b²=c² si può anche ricavare l'algoritmo per determinare la lunghezza di un cateto partendo dalle lunghezze dell'altro cateto e dell'ipotenusa...

  • Name
    Lv 5
    4 mesi fa

    Non proprio. In matematica, una formula è semplicemente un'affermazione che riguarda degli enti da specificare. Ad esempio, il Teorema di Pitagora è un'affermazione che riguarda i cateti a,b e l'ipotenusa c di un generico triangolo rettangolo. L'affermazione si esprime simbolicamente con la formula a²+b²=c².

    Da una formula però si può spesso ricavare un algoritmo per determinare uno degli enti coinvolti nella formula, purché si conoscano tutti gli altri. Rimanendo nello stesso esempio di prima, dalla formula a²+b²=c² si ricava un algoritmo per calcolare la lunghezza di un'ipotesa partendo dalle lunghezze dei cateti:

    1)calcolare il quadrato della lunghezza di un cateto;

    2)calcolare il quadrato della lunghezza dell'altro cateto;

    3)sommare i valori ottenuti al punto 1) e 2);

    4)applicare un algoritmo per l'estrazione di radice quadrata al valore ottenuto al punto 3).

    Naturalmente dalla formula a²+b²=c² si può anche ricavare l'algoritmo per determinare la lunghezza di un cateto partendo dalle lunghezze dell'altro cateto e dell'ipotenusa...

  • Assolutamente no. 

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.