Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 1 mese fa

Il silenzio?

La stanchezza persistente porta al culto del silenzio, perché quando si è esausti le parole perdono di significato e martellano nelle orecchie, ridotte a sonorità vuote, a vibrazioni esasperanti. I concetti si stemperano, la forza dell'espressione si attenua, tutto ciò che si dice o si ascolta si svuota fino ad apparire sterile e ripugnante. Niente ha più forma e consistenza, e tutto ciò che va e viene dall'esterno rimane un murmure monocorde e lontano, incapace di accendere le sfumature della vita spirituale, di suscitare interesse o curiosità. Sembra allora inutile esprimere un parere, prendere posizione o impressionare qualcuno, e tutti i rumori cui si è rinunciato montano nell'inquietudine dell'anima, esistente in tutti i grandi silenzi. Dopo essersi forsennatamente prodigati per risolvere tutti i problemi, dopo essersi tormentati al massimo grado, quando occorrerebbe dare risposte definitive, si finisce col trovare nel silenzio la sola realtà e l'unica forma d'espressione. Chi non vi perviene, non ha visto tutto.

Emil Cioran - in Al culmine della disperazione

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa
    Risposta preferita

    🌬🌬🌬🌬🌬🌬🌬🌬🌬

  • 1 mese fa

    Grazie per questo rilevante estratto. Smorzo la serietà del Cioran con una facezia: a proposito di 'silenzio' ho sempre trovato incredibilmente delizioso questo titolo di un famoso racconto di Lovecraft: 'Oltre il muro del sonno'. Non è delizioso? Il racconto è pregevole, ma il titolo è arte in sé. 'Oltre il muro del sonno', lo trovo squisito. E mo' vado pure a letto, tiè! :>

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.