Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Serena
Lv 7
Serena ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 7 mesi fa

Qualcuno sa spiegarmi il significato di "Ho visto Nina volare" di De André 🎈?

Ciao a tutti 😺

Aggiornamento:

Anonimo grazie a te e a tutti. 

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 mesi fa
    Risposta preferita

         

    “Ho visto Nina volare”, significato del brano del maestro De Andrè

    Nella nuova raccolta del maestro Faber, "Ho visto Nina volare" ha il compito di introdurre l’ascoltatore in questa nuova raccolta divisa per temi

    Di Guido Isacco -1 Dicembre 2017 - 15:57

    Nella nuova raccolta del maestro Faber, “Ho visto Nina volare” ha il compito di introdurre l’ascoltatore in questo percorso discografico diviso per temi

    “Ho visto Nina volare” è uno dei brani più intensi di Fabrizio De André. Per questo è stato scelto come brano iniziale della raccolta “Tu che m’ascolti insegnami” di Sony Music, uscita il 24 Novembre 2017. Curata dalla moglie Dori Ghezzi, l’album è diviso per tematiche, dall’amore, alla guerra, all’infanzia dell’autore. Ma il filo conduttore è il riprodurre, quanto più fedelmente possibile, la voce del Maestro.

    L’analisi

    L’analisi di questo testo è senz’altro impegnativa e il significato di alcuni versi deve essere ricercato nelle tradizioni delle sue terre natie.

    “Mastica e sputa da una parte il miele […] dall’altra la cera”

    Il gesto richiama l’azione delle donne d’un tempo a separare appunto il miele dalla cera, come a voler introdurre in un contesto l’esperienza dell’ascoltatore. Il tutto accompagnato dal suono ripetitivo e ossessivo dei tamburi di sottofondo.

    “Luce luce lontana più bassa delle stelle”

    Invocazione al destino di cui purtroppo non si conosce l’origine:

    “quale sarà la mano che ti accende e ti spegne”.

    Di seguito l’introduzione della protagonista del brano, Nina, una bambina che con naturalezza e spensieratezza si diverte giocando

    “ho visto Nina volare tra le corde dell’altalena”.

    E qui interviene il suo lato oscuro, “l’ombra” citata successivamente, segno della parte animale che appartiene ad ogni uomo, dell’amore passionale e fisico, violento:

    “un giorno la prenderò come fa il vento alla schiena”

    La consapevolezza però si fa largo nell’animo del protagonista, perché sa di non poter agire secondo il suo istinto e il freno imposto dalla morale è rappresentato dal padre, figura forte ed imponente alla quale è impossibile scappare se non appunto “imbarcandosi sul mare”:

    “e se lo sa mio padre dovrò cambiar paese se mio padre lo sa mi imbarcherò sul mare”.

    Ecco di nuovo che ritorna l’ombra, la sua parte cattiva che “fa il verso” al suo lato buono. Lato che cerca di difendersi mostrando il coltello nonostante la voglia di lasciarsi andare e di prendere in mano quella vita intrappolata:

    “stanotte è venuta l’ombra, l’ombra che mi fa il verso le ho mostrato il coltello e la mia maschera di gelso”.

    È forte, infatti, la consapevolezza che a breve arriverà “la neve”, l’inverno, il freddo, metafora del tempo che fugge, della fine e, in ultima analisi, della morte. Concetto riconducibile al romanticismo ottocentesco ed in particolare a Leopardi:

    “prima che venga neve”

    Il testo

    Mastica e sputa

    da una parte il miele

    mastica e sputa

    dall’altra la cera

    mastica e sputa

    prima che venga neve

    luce luce lontana

    più bassa delle stelle

    quale sarà la mano

    che ti accende e ti spegne

    ho visto Nina volare

    tra le corde dell’altalena

    un giorno la prenderò

    come fa il vento alla schiena

    e se lo sa mio padre

    dovrò cambiar paese

    se mio padre lo sa

    mi imbarcherò sul mare

    Mastica e sputa

    da una parte il miele

    mastica e sputa

    dall’altra la cera

    mastica e sputa

    prima che faccia neve

    stanotte è venuta l’ombra

    l’ombra che mi fa il verso

    le ho mostrato il coltello

    e la mia maschera di gelso

    e se lo sa mio padre

    mi metterò in cammino

    se mio padre lo sa

    mi imbarcherò lontano

    Mastica e sputa

    da una parte il miele

    mastica e sputa

    dall’altra la cera

    mastica e sputa

    prima che metta neve

    ho visto Nina volare

    tra le corde dell’altalena

    un giorno la prenderò

    come fa il vento alla schiena

    luce luce lontana

    che si accende e si spegne

    quale sarà la mano

    che illumina le stelle

    mastica e sputa

    prima che venga neve

     

    Brava W, fonte wikipedia.

  • Fil
    Lv 7
    7 mesi fa

    Durante la guerra, per sfuggire ai bombardamenti, la famiglia De Andrè lasciò genova , si traferì nell'astigiano e Nina era la piccola compagna di giochi  di Fabrizio... 

  • 7 mesi fa

    Leggo su Rolling Stone che la lirica pare fosse ispirata da un episodio dell'infanzia, quando nel fine settimana andava in campagna nell'astigiano dove i genitori avevano una casa. Li' poteva osservare Nina Manfieri mentre andava sull'altalena e l'amore ( pare il primo) per lei lo indusse a scrivere il testo...mentre "mastica e sputa" deriva dai viaggi del cantautore a Matera dove le donne anziane masticavano fette di favo per separare il miele dalla cera, una ritualita' che lo aveva colpito.

  • Anonimo
    7 mesi fa

    Ma perché bisogna sempre cercare chissà quale astruso e recondito significato anche nelle cose più semplici? E' ispirata dai ricordi dell'infanzia in campagna dove due bambini Fabrizio e  Nina passavano ore insieme a giocare, Nina sull'altalena e Fabrizio a fantasticare come fanno tutti i bambini associando sogni a paure, queste ultime  legate al timore reverenziale del ragazzino verso il padre, uomo severo d'altri tempi.  Il testo può apparire enigmatico solo perché Faber usa un linguaggio figurato (anche se in sè è molto semplice) e allusivo, ma questo ha sempre fatto parte della sua poetica. 

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    7 mesi fa

    A me me pare na canzone di un pedofilo.

  • Leo
    Lv 4
    7 mesi fa

    Non ho presente quella canzone

  • 7 mesi fa

    @Luca.

    L'impegno rimane impegno. 

    Ci vedi molta differenza nell'impegnarsi in una canzone od in un buon piatto di cucina? 

  • wanial
    Lv 7
    7 mesi fa

    e' complessa questa canzone che inizia con il protagonista che canta usi  usi e tradizioni della sua terra. che inizia con mastica e sputa, tradizione delle donne di un tempo intente a separare il miele dalla cera...luce luce lontana piu'; bassa delle stelle , invocazione al destino di cui non si conosce l'origine..poi vede la bimba volare e pensa che un giorno la prendera'' mentre é in volo, poi pensa alle tradizioni, sopratutto educazione severa del padre e dice che che se lo viene a sapere suo padre dovra'' fuggire e andarsene per il mare, la morale vieta di pensare ai bambini, e'una continua lotta tra l'ombra cattiva e il suo lato buono..finisce con la consapevolezza che arrivera'' la neve, inverno freddo, metafora del tempo che fugge, della fine e della morte, concetto questo riconducibile  al romanticismo ottocentesco ed in particolare a Leopardi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.