Referendum 2020: aiuto!!!?

- 6 (parlamentari) su 10 votano a favore di una legge;

- 60 su 100 votano a favore di una legge;

- 600 su 1000 votano a favore di una legge;

Che siano pochi o molti cosa cambia alla fine?

25 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    Cambia che da democrazia si passa sempre più ad un'oligarchia. 

  • 1 mese fa

    Con la riduzione dei parlamentari non si ridurranno di certo le spese della politica. Magari risparmiano qualche milione di euri, poi ne spendono 6 miliardi ogni anno per l'accoglienza degli immigrati clandestini tanto cari ai sinistri rossogialli. Per non parlare del reddito di cittadinanza regalato a milioni di soggetti dediti a ogni tipo di reato malavitoso. Sempre più ipocriti e falsi questi politicanti da strapazzo pentapdoti che stanno al governo del Paese...Ipocrisia e malafede alla massima potenza di Di Maio, Zingaretto e compagni belanti

  • Paolo
    Lv 7
    1 mese fa

    VINCENDO IL SI' CI SI AVVICINA SEMPRE PIU' AD UNA PARADITTATURA O SEMIDITTATURA O QUALCOSA DEL GENERE....................!!!!!!!!

  • 1 mese fa

    Al referendum solo e soltanto No.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    La differenza e che guadagneremo meno di 0.80 cent all' anno, perchè toglono i posti, ma non i vitalizi(il vero spreco), a fronte di una ancora maggiore perdita di rappresentatività

  • Anonimo
    1 mese fa

    Infatti non cambia nulla. Vota no.

  • 1 mese fa

    Cambia che si rinuncia alla rappresentatività privilegiando una maggiore compattezza dei partiti, una minore frammentazione e dunque una maggiore governabilità.

    I partiti minori escono dal parlamento (non a caso Bonino e Calenda sono per il NO). Rimangono i partiti consolidati, rimangono i 5 senatori a vita con i relativi vitalizi, rimangono dubbi e perplessità in merito alla nuova eventuale legge elettorale.

  • Anonimo
    1 mese fa

    Non cambia nulla. Chi dice attentato alla Costituzione o alla democrazia dice sciocchezze. Premesso che la Costituzione non è affatto quella delle origini, del periodo 1947-1948, visto che le modifiche che stabilirono il numero di parlamentari che troviamo ancora oggi  si fecero molto più tardi, furono introdotte negli anni '60 dello scorso secolo, cioè in pieno boom economico. Oggi però non siamo più nel benessere del 1963, c'e' la crisi e quindi anche con il taglio di una parte dei 945 parlamentari, e lo dicono eminenti costituzionalisti, la democrazia non viene meno, perché le due camere potranno continuare a promuovere, bocciare o approvare le leggi come se niente fosse successo. Diciamo che diminuendo il numero dei parlamentari (ne resteranno 600) le funzioni del parlamento restano invariate ma si risparmiano oltre 200 milioni di euro, e questo, francamente, mi pare una cosa positiva, considerate le condizioni economiche in cui versa attualmente il Paese. 

  • 1 mese fa

    Immagina se ci fosse un solo parlamentare, non sarebbe una dittatura? Trai tu le tue conclusioni. 

  • Anonimo
    1 mese fa

    Se vince il sì resteranno solo i partiti già presenti: Pd, Fdi, Fi, Lega, m5s... Rimarrà il peggio del peggio popo unto, popo. 

    E gli altri tutti fuori.

    Pian piano andremo in una dittatura mascherata in democazzìa.. Tanto la gente vota sì sperando che tanti vadano via ma sarà il contrario! SVEGLIA!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.