Anonimo
Anonimo ha chiesto in ViaggiAltre destinazioni · 1 mese fa

Vivere al nord o al centro Italia?

Sono un giovane ragazzo del sud che vorrebbe trasferirsi in futuro al nord o al centro Italia. Quindi miro alle regioni che vanno dal Lazio (escludendo l'Abruzzo ovviamente, dato che é meridione economicamente) fino alla Valle d'Aosta. Secondo voi quale regione e soprattutto quale città o paese é più vivibile al centro e al nord Italia? Magari se non vi é troppo pesante farlo (di certo non vi obbligo😂)  potreste scrivere un elenco di tutte le regioni dal Lazio in su con le città che ritenete più vivibili per una persona al di sopra dei 20 anni. Vi ringrazio in anticipo!

Aggiornamento:

@A_Rm ho intenzione di insegnare musica nelle scuole e sono della bassa Campania. Ho molti parenti in Liguria e qualcuno in Lombardia anche se non ci vado da anni nelle loro zone. Quindi intendi che dal Lazio in su (escluso l'Abruzzo) sono molto più chiusi?

2 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa

    Ti consiglio le zone di Rieti e Viterbo perchè la gente è accogliente e la qualità della vita è buona, oppure l'ascolano per gli stessi motivi. Roma è molto bella e la gente è ospitale, ma è diventata un caos sopratutto negli ultimi anni ed è anche costosa. Il resto del centro nord è vivibile, però la gente non è generalmente molto accogliente anche se poi volendo ci si integra ovunque. 

  • A_Rm
    Lv 7
    1 mese fa

    Per ben risponderti sarebbe d'aiuto sapere:

    - cosa hai studiato

    - cosa sai e/o vorresti fare

    - di dove esattamente sei originario (è d'aiuto saperlo per i collegamenti)

    A scatola chiusa, mi verrebbe da consigliarti i capoluoghi di provincia dell'Emilia Romagna, dove ancora la gente è relativamente accogliente verso i non nativi e la qualità della vita è buona.

    In generale, tieni presente che Roma, pur bella, per viverci è costosa, faticosa e molto dispersiva. E nel resto d'Italia del centro-nord in Italia la gente non brilla per senso di accoglienza verso i nuovi venuti, che finiscono inevitabilmente per frequentarsi solo con altri nella loro condizione.

    Può però essere d'aiuto trasferirsi dove vive qualche parente o conoscente di fiducia.

    _______________

    Premettendo che in ciò che dirò incide molto l'esperienza personale e quella di altri che conosco direttamente che hanno vissuto da quelle parti.

    L'Emilia Romagna, in particolare le città medie di provincia, è ancora un'isola felice per i trasferiti. Non si sarà mai uno di loro, ma cmq sono molto più accoglienti e bendisposti rispetto ad altrove. E poi è una terra molto musicale, e questo sarebbe d'aiuto per ciò che vuoi fare.

    Roma offre tanto e la gente è relativamente bendisposta, ma poi non ti da il tempo di godertela.

    In Toscana, al di là dell'iniziale approccio cordiale, sono molto diffidenti verso chi non è loro conterraneo (vengono definiti "forestieri"). Lo stesso in tutto il Nord Italia, solo che lì ce lo si aspetta.

    La Liguria potrebbe essere un buon compromesso. I liguri sembrano inizialmente un po' burberi ma, se col tempo si conquista la loro fiducia, si rivelano molto più aperti ed affidabili di quello che ci si può aspettare.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.