Prete ucciso a Como da un Tunisino. ?

La destra di Salvini e Meloni fa leva su questo accaduto per risollevare puntualmente il problema migranti eppure il prete morto era ben lontano dalla politica e dalla subcultura dei porti chiusi e sicuramente non vorrebbe essere strumentalizzato proprio da quelle ideologie di destra. Ma allora,come si può trovo un punto di accordo  tra i due poli?

Non a risposte populiste di chi ha torto o ragione. Non  mi serve. Vorrei più che altro una riflessione sulla domanda che ho posto. grazie

15 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    E' un martire,lasciamolo in pace,è un esempio per tutti,il Signore lo abbia in Gloria e noi preghiamo in silenzio,non c'è da dire nulla,solo ringraziamo Dio per avercelo donato.

  • 1 mese fa

    Era un sacerdote coraggioso

  • BASTA
    Lv 7
    1 mese fa

    Mi sembra evidente che non ci sarà mai un accordo fra i poli, indipendentemente da questo fatto che andrebbe lasciato fuori dalla politica, anche se il governo attuale ha responsabilità enormi a riguardo.

  • Anonimo
    1 mese fa

    Non amo particolarmente la categoria dei sacerdoti ma questo prete era veramente in mezzo alla gente e ai loro problemi,oltre le prediche in chiesa  sapeva applicarle come giusto che sia,cosa più unica che rara nella chiesa!Ma tanto verrà purtroppo presto dimenticato perchè non faceva "politica".

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Cercare un punto di incontro che non ha ragione di esistere? E' veramente patetico chiamare in causa un morto per dire che se fosse vivo non gradirebbe la stumentalizzazione della sua morte. Sei ridicolo Xany, sei proprio un piccolo, ridicolo, insignificante capretto di sinistra. Ti suggerisco di bere con il tappo.

  • 1 mese fa

    Caro XANY, capisco l'ansia della tua domanda, ma come puoi fare della filosofia politica di fronte ad una morte così ingiusta e dolorosa, di un ottimo prete in buona fede (Don Roberto MALGESINI) che voleva solo aiutare quell'immigrato e fargli del bene, non capendo che purtroppo gli islamici ODIANO i cristiani considerandoli infedeli (e che nel Corano stesso vi sono dei precisi passi, o "sure", che incitano a uccidere gli infedeli, cioè coloro che non credono e non sono fedeli a Maometto)?? E chi ci pensa al fatto che una persona di spessore sociale e psicologico come QUEL prete è venuto a mancare ai suoi parrocchiani, e non potrà più sostenerli nella fede e nella carità e far loro del bene, a causa di questo immigrato tunisino irregolare che AVREBBE DOVUTO ESSERE ESPULSO ANNI FA'? Perchè non ti domandi invece: PERCHE' NON E' STATO DI FATTO ESPULSO e RIMPATRIATO essendo stato dimostrato che era pericoloso, chi lo ha davvero impedito, la Sinistra o la Destra, quale dei due pecca di più di populismo e di demagogia? Fatti sinceramente questa domanda, e datti la risposta.

    Comunque, non mi sottraggo dal rispondere alla tua domanda, e la mia riflessione su come trovare un punto di accordo tra i due poli - la Sinistra e la Destra - è questa: E' ORA CHE AMBEDUE CONCORDINO DI FATTO SU 1 SOLO PUNTO IMPORTANTE, FAR RISPETTARE VERAMENTE LA LEGGE IN ITALIA ed in particolare quella per il rimpatrio dei clandestini "indesiderabili" per criminalità e spaccio di droghe, ALLO SCOPO DI PROTEGGERE, AMARE E RISPETTARE i propri cittadini italiani in generale e quelli stranieri "integrati". Se gli esponenti della Sinistra e della Destra AMANO DAVVERO l'Italia e la sua popolazione, che continua ad eleggerli, DEVONO collaborare insieme - con i FATTI e NON con le parole - per far in modo che il ns. Paese TORNI AD ESSERE UNO "STATO DI DIRITTO", in cui la Legge bene applicata - e non un corpo di polizia inefficace e bloccato da anni dalla contradditorietà e corruzione delle "alte sfere" - possa consentire una convivenza sociale serena a tutti noi.

    Concludo interpretando il pensiero di tanti altri: credimi, NON SE NE PUO' PIU' di questi episodi di immigrati che uccidono sacerdoti, poliziotti, privati etc., violentano le donne, rubano nei supermercati e forzano le portiere delle auto, sfasciano, distruggono e RIMANGONO IMPUNITI... è incredibile, ma dove siamo arrivati? E chi li paga i danni, quei poveretti dei cittadini che lavorano, e DIVENTANO SEMPRE PIU' POVERI? Che senso hanno, oggi in Italia, le parole: "Legge" e "forze dell'ordine", abbiamo proprio intenzione di annullarne l'azione sociale INDISPENSABILE, diventando una specie di terra allo sbando, terra di "nessuno" dove qualsiasi immigrato o straniero clandestino si sente in dovere di comandare e fare i propri comodi ritenendoci degli imbecilli incapaci di reagire e di punirlo nel dovuto modo? Vedi, mentre in America Donald TRUMP ribadisce - a ragione o a torto - il motto "LAW and ORDER", da troppi decenni in Italia impera di fatto una situazione di "NO LAW and DISORDER" di cui approfittano tutti, finchè ce la si farà a sopportarlo e finchè qualcuno - il popolo - non dirà BASTA!!

  • Anonimo
    1 mese fa

    Non amo particolarmente la categoria dei sacerdoti ma questo prete era veramente in mezzo alla gente e ai loro problemi,oltre le prediche in chiesa  sapeva applicarle come giusto che sia,cosa più unica che rara nella chiesa!Ma tanto verrà purtroppo presto dimenticato perchè non faceva "politica".

  • Anonimo
    1 mese fa

    A me pare che la domanda sia leggermente di parte, specie quando riporta: "La destra di Salvini e Meloni fa leva su questo" e "il prete non vorrebbe essere strumentalizzato proprio da quelle ideologie di destra". La prima riflessione è, per converso, e se fosse invece la sinistra a minimizzare le cose, a non volersi prendere le sue responsabilità, a tacere sui problemi dovuti ai porti aperti, ai clandestini, ai rimpatrii mai avvenuti? La seconda domanda è tu conoscevi personalmente il prete per sapere chi o che cosa votava? Il tunisino in questione era già stato accusato di violenze da parte della ex moglie, era un individuo pericoloso che andava espulso anni fa e che ora taluni vogliono far passare per matto o come un caso eccezionale quando invece le cronache riportano altri casi simili e ancora di più parlano i dati del Viminale, confermando che la popolazione carceraria è composta per 1/3 da stranieri. Vogliamo fingere che le cose vanno bene quando invece sono un disastro? Bisogna guardare in faccia alla realtà, gli irregolari si sono dimostrati un problema per tutti: dal distruggere i centri di accoglienza (es. caserma Serena, Treviso) a fuggire da questi con il covid (es. centro Monastir), dal commettere pesanti violazioni di legge (es. caso Mamadou Kamara di Cara di Mineo) a veri atti di terrorismo e strage (es. Anis Amri). La gente è stanca.

  • 1 mese fa

    Sta di fatto che don Roberto Malgesini, il sacerdote ucciso a Como, è stato assassinato da un immigrato irregolare tunisino, destinatario di ben quattro provvedimenti di espulsione mai attuati. Ieri sera su La7 quella scrofa di Michela Murgia ha detto che il problema è la clandestinità e che i migranti vanno regolarizzati e integrati nella società italiana.

  • 1 mese fa

    Pino, io chiedevo una riflessione come punto di incontro tra i due poli opposti. Non ho mai  detto "i malati di mente possono liberamente scrivere quel che pensano".

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.