davide ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 1 mese fa

Calvino è stato un grande scrittore?

Ieri sera a il giorno e la storia che è un programma degli avvenimenti del giorno il direttore del corriere del mezzogiorno Enzo D'errico che commenta il fatto più importante del giorno ha definito Calvino il più grande scrittore del dopoguerra.

Per me non è stato un grande scrittore.Ma se era così grande perché non vinse il nobel?Qualcosa vorrà pur dire che l'Italia non vince il nobel per la scrittura dal 1926.

L'avevo vinto altre volte ma non per la scrittura.

La domanda non era sul nobel ma ho fatto un collegamento.

2 risposte

Classificazione
  • mohini
    Lv 6
    1 mese fa

    e dove l'hai letto che l'italia non vince un nobel per la letteratura dal 1926? Piranello, Quasimodo, Montale e ultimo ma non certo meno importante Dario Fo dove li lasci? L'assegnazione di Dario Fo me la ricordo anch'io, sono si vecchia, ma non così tanto. Calvino non lo ha vinto ma non per questo deve essere rilegato a sguattero di quartiere. Come dice giustamente l'altro utente, anche Umberto Eco non lo ha mai vinto. Calvino è stato si un grande scrittore, è forse azzardato definirlo "il più grande scrittore" perché credo che nell'olimpo dei più grandi scrittori italiani del dopoguerra ne possiamo inserire altri. Fu uno dei più grandi, questo si. Che poi piaccia o non piaccia quello che scrive questo è un'altro discorso. Anche a me non piace la musica di Mozart, ma non direi che Mozart non era un eccelso compositore. Una cosa sono i gusti personali, altra cosa il talento di una persona. 

  • Sal
    Lv 5
    1 mese fa

    il più grande forse no ma è uno dei più grandi della nostra letteratura , per essere grandi non basta vincere premi ma bisogna lasciare un'impronta nella cultura , Calvino ha lasciato la sua impronta nella cultura italiana. Umberto Eco non ha mai vinto premi Nobel  lo definiresti un mediocre? Spero di no.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.