Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 4 sett fa

Cosa ne pensate? Meglio essere fedeli a Dio o alla religione di appartenenza?

Cosa fai se scopri che Dio ti sta indicando un'altra via?

Aggiornamento:

@Priest: cosa fai se Gesù ti indica un'altra via per seguirlo ad esempio da cattolico diventare protestante o da protestante diventare cattolico ecc. Da tdg diventare mormone o da mormone a tdg

16 risposte

Classificazione
  • 4 sett fa

    Coloro che fanno del bene non sono quelli che fanno parte di una religione,ma li puoi incontrare in ogni ambiente,sparsi per il mondo.

  • Segui la via che meglio comprendi, ma prima analizzala. Un uomo che considero mio maestro disse:

    «Che nessuno venga a dividere la filosofia in più parti, a ritagliarla in tanti frammenti, o piuttosto a crearne molteplici da una sola! La verità è unica e allo stesso modo la filosofia è una, e tuttavia non c'è motivo di stupirsi se seguiamo strade completamente diverse per raggiungerla. Immaginiamo uno straniero, o, per Zeus, un cittadino dei tempi passati che desideri ritornare ad Atene. Poteva recarvisi per nave, oppure a piedi. Se viaggiava via terra poteva servirsi, a mio parere, delle grandi vie pubbliche, di sentieri, o di scorciatoie. Navigando poteva costeggiare la costa, oppure fare come il vegliardo di Pilo e traversare il mare aperto. Che non mi si venga ad obiettare che alcuni di questi viaggiatori hanno deviato e che arrivati da qualche altra parte, adescati da Circe o dai Lotofagi, cioè dai piaceri, dall'opinione o da altre cose, hanno trascurato di proseguire il cammino e di raggiungere il loro obiettivo. Che si esaminino piuttosto i protagonisti di ogni setta e si scoprirà che tutto si accorda»

    (Flavio Claudio Giuliano, Discorsi)

    Un altro scrisse: 

    «Dobbiamo riconoscere che tutti i culti hanno un unico fondamento. Contempliamo i medesimi astri, ci sovrasta uno stesso cielo, uno solo è l'universo ci circonda: che importa con quale dottrina ognuno di noi cerca la verità? Non si può giungere per un'unica via ad un mistero così Sublime.»

    (Quinto Aurelio Simmaco, Relatio de ara Victoriae)

    In sostanza credo che ci siano state date numerose vie, e sta a noi seguire quella per cui siamo fatti, che parla la nostra stessa "lingua" (non quella che più ci sollecita la pancia, come disse Pitagora, diffida delle vie ampie).

  • Ragno
    Lv 4
    4 sett fa

    Io sono fedele alla VITA. Non a una religione o un Dio che ti fa fare delle guerre sante...

  • 4 sett fa

    ognuno la vive come vuole

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 4 sett fa

    Meglio essere fedeli a sé stessi.

  • 4 sett fa

    La migliore risposta te l'ha data Figlio della terra. Segui il suo approccio.

  • 4 sett fa

    vado immediatamente da uno psichiatra, uno molto bravo.

  • Anonimo
    4 sett fa

    l'unica via è quella dell'ama il tuo prossimo come te stesso, tu vedi nei tdg questo amore? a me sembra che schiavizzino i loro stessi adepti e li mettano in punizione, non devi cambiare tutto, ne cambiare religione perchè la verità non è in nessuna religione ma in ciascuna c'è una parte di verità, se cristo ti indica buddha per insegnarti qualcosa vai da lui ma non devi cambiare tutta la tua scrivania e metterci vasi buddhisti ed incensi, devi solo comprarne una piu' grande e far spazio a tutto.

  • Fedeltà a Dio prima di tutto. Dio viene prima della religione

  • 4 sett fa

    Per me la prima opzione equivale anche ad esserlo con se stessi. Un puro atto di egoismo. Forse è la comprensione di ciò che spinge il mistico a voler abbandonare se stesso e l'immagine di Dio, al fine di unirsi all'Uno. 

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.