Serena
Lv 7
Serena ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 mese fa

Che mi sapete dire del cinismo 🤯?

Ciao a tutti 😸

Aggiornamento:

Luca, politico è uguale a cinico? 😊

Aggiornamento 2:

Asso ah ah ah!

Aggiornamento 3:

Luca grazie a te e a tutti. 

17 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Si ma sai una cosa? Il termine 'per esteso'(non quello indicante la scuola filosofica), mi ha sempre confuso.

    Nella lingua italiana si intende per cinico chi disprezza i valori comuni, ma anche, nel linguaggio ordinario, chi non esita a non rispettare i valori per raggiungere i propri obiettivi. Ditemi se ho torto o ragione o altrimenti cosa intendete per questo.

    Allora a questo punto un cinico è anche un egoista e tanto altro. Uno.

    Due. In un certo senso lo siamo un pò tutti , nella vita corrente ma qua ci sarebbe un capitolo troppo lungo da aprire e si potrebbero fare esempi attinti dall'economia come la concorrenza sul mercato

    Tre. Il discorso cambia se il cinico è anche disonesto, ed in Italia ne sappiamo abbastanza

  • 1 mese fa

    Ecco...Oscar Wilde mi ha letto nel pensiero...

    Attachment image
  • 1 mese fa

    una persona che ha perso giustamente la fiducia nella società

  • 1 mese fa

    Io per "cinico" ho sempre inteso "disincantato", che non nutre più speranze, privo di entusiasmo.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    il cinismo peggiora il tuo benessere psicofisico: porta a stress e ansia, aumenta il rischio di depressione e di demenza e tanto altro. Bisogna essere un po' più ottimisti per tenere in salute il cervello.

    Per quelli che si auto-definiscono cinici consiglio loro di smetterla e di guardare la vita con una lente un po' più positiva

  • wanial
    Lv 7
    1 mese fa

    per questa volta non tocco la teoria filosofica, ma poche parole credo che bastino,e' atteggiamento di ostentata indifferenza e disprezzo nei confronti dei valori morali e sociali

  • Saul
    Lv 7
    1 mese fa

    I Gatti ne sono poco artefici.

  • 1 mese fa

    Poco, non mi appartiene.

    Non lo considero una forma di lucidità estrema, e nemmeno un ripiegarsi su se stessi nell'accettazione dell'inevitabilità delle sconfitte.

    Cedere al cinismo, quella sì, è per me la sconfitta, come tutto ciò che ha in sé del disprezzo.

  • 1 mese fa

    Tutti sanno scrivere qualcosa sul Cinismo.

    Il gran casino lo troviamo quando chiedi : "Cosa intendi per Cinismo?".

    Di Sanguanel. 

  • Anonimo
    1 mese fa

    Non so di preciso che s'intenda per cinismo. Il termine si riferisce ad una corrente filosofica legata ad un certo rigore morale e che metteva in discussione idee comuni.

    Di norma per cinismo credo s'intenda un disprezzo per norme comuni, un disincanto, espresso talvolta con atteggiamento sarcastico.

    Credo di potermi definire cinica in vari frangenti. Non condivido per nulla alcune idee che si è abituati a considerare giuste e provo disincanto generale che sfocia in ironia la quale può apparire cattiva verso le illusioni, la superficialità, il non senso.

    Ero così già da bambina ma in certi casi il cinismo si è acuito con la mezza età. Spero un giorno di trovare una maggiore tolleranza ma non è facile perché la gente rompe attivamente.

  • 1 mese fa

    Mah, spesso è semplicemente una forma di autodifesa e finchè è solo quel tipo di espressione di sè lo ritengo innocuo e va bene così. Andrebbe anche visto sotto un'ottica più comprensiva e benevola, ecco.

    Ti arrivo a dire che a me, spesso, fa anche sinceramente ridere.

    Per dire, io leggo Cioran perchè certe sue cose mi regalano davvero il buonumore, mi fanno davvero ri-de-re :')

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.