Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 1 mese fa

Cosa ne pensate del conflitto dei cristiani con la società?

Pongo questa domanda perche sono cristiano cattolico e mi sono reso conto che la chiesa nella sua storia si è sempre trovata in conflitto con qualcosa. Ancora oggi accade la stessa cosa. La chiesa vive nel mondo ma nel mondo ci sta sempre qualcosa (non tutto ovviamente) che il cristiano respinge e quindi nasce un conflitto. Se il cristiano parla ad esempio fa un commento contro qualcosa su un social lo bombardano di commenti tanto da costringerlo a rimuovere il commento perche i persecutori che devono fargli cambiare idea crescono come funghi e non riesce a bloccarli tutti. Allora o si sta zitto o rischia questa persecuzione. Mi chiedo voi cosa ne pensate di questo eterno conflitto? Dire che la cosa va in conflitto con la società attuale perche il messaggio è si 2000 anni fa non è una spiegazione soddisfacente perche anche 2000 anni fa la chiesa stava in conflitto. Anche nei periodi in cui la chiesa era potente e metteva paura c'erano gli oppositori. Cosa ne pensate do questo perenne conflitto?

13 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Il conflitto non è con i cristiani o con altri religiosi. Il conflitto lo innesca la società quando si accorge che al suo interno ci sono dei gruppi che non le sono fedeli! La società è un po' come il "Dio Geloso" di cui parla l'Antico Testamento, pretende obbedienza ai suoi "insegnamenti".

    Puoi tranquillamente essere cristiano e non avere problemi. Guarda quanti cattolici ci sono in Italia? Ti risulta che vengono perseguitati? A me non risulta anzi, vedo che sono ben inseriti. Un battesimo, una comunione, una cresima, un matrimonio sono visti come un evento bellissimo in cui si può mangiare fino a strafocare! Altro che persecuzione e conflitto! A questi eventi partecipano anche persone atee senza problemi, insomma nessuno rifiuta una bella occasione per riempire la pancia in un bel ristorante.

    Il problema nasce quando una o più persone, oltre a mangiare e bere, cominciano a essere anche COERENTI con quella fede e rendere concreti nella loro vita i frutti del cammino spirituale che hanno intrapreso solo per prassi. La società non accetta persone che non le sono "fedeli"... se compro un panino a un povero le persone attorno a me non si arrabbiano, il gesto passa inosservato... se dico di no a qualcosa, per esempio che sono contrario alle unioni civili, mi vengono contro tutti anche i cristiani (non coerenti con il loro credo). Questa è la prova che alla società non importa se sei cristiano, la società vuole che tu le sia fedele al 100% senza compromessi

    La società è molto più esigente di Dio perché basta dissentire su una virgola e ti vengono contro tutti. La società si arrabbia perché "non credi" 

  • 1 mese fa

    Il bene sarà sempre in conflitto col male 

  • 1 mese fa

    era già stato previsto:

    Matteo 5,11-1211 Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. 12 Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi.

    Non ti preoccupare, il messaggio cristiano è veleno per chi è attaccato alla materia , per chi vive per se stesso e per il proprio piacere e godimento.

    C'è chi è disposto a qualsiasi cosa pur di zittire chi vive in modo diverso e fa notare a quelli la miseria della loro vita e delle loro scelte.

    Pensa solo al Battista e Salomè.

    Parlano di libertà ma sono pronti a mettere la tua testa su un vassoio.

  • Anonimo
    1 mese fa

    Se sei cristiano convinto, sappi che  è sempre stato così. Il potere temporale della chiesa è stato cercato per permettere alla religione di essere praticata senza subire quello che ha subito e che sta subendo nei paesi comunisti (in China per dire). Certo, ora si sta avvicinando l'apocalisse, ed è normale che la massa, indottrinata dal sistema, si allontani dalla religione. Ma ho sentito anche di peggio: connubio tra zoros e bergoglio. Questo sì che è un problema.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 mese fa

    Non è questione di cristianesimo o altro. Qualsiasi posizione che contraddice la mentalità comune è soggetta a persecuzione. La società ha come dei "dogmi" e qualsiasi posizione (politica o religiosa) li metta in discussione viene avversata. Non c'entra più di tanto essere cristiano o meno perché il cristiano incoerente che accetta certe abominazioni esaltate dalla società non subisce alcuna persecuzione, non c'è alcun conflitto, è amico di tutti ma di certo non di Dio (Gc 4,4). Dipende dalla posizione che si assume nei confronti di certe cose non tanto dal cristianesimo. Se anche da islamico ti opponi a qualcosa ti perseguitano ugualmente. 

    Molte volte è anche colpa degli stessi cristiani che ostentano la loro fede in modo esagerato e arrivano quasi a imporla agli altri! Quando ci sono cose contrarie alla morale non è necessario andare in giro a gridare la fine del mondo come i tdg. Basta essere coerenti, vivere la propria fede senza rompere le scatole ad altri. Se una cosa è contraria alla morale cristiana basta evitarla, senza fare il profeta, se poi qualcuno chiede perché non approvi certe cose, puoi dire che sei coerente con la tua fede. Una fede autentica è meno chiacchiere e più fatti....

  • Priest
    Lv 5
    1 mese fa

    Luce e tenebre non vanno d accordo.

    Quando sorge l una,tramonta l altra

  • 1 mese fa

    Dietro a certi conflitti c'è un gioco fatto di pesi e contrappesi dialettici, nel tentativo di imporre il proprio ipocrita pensiero.

    E basta pensare che ─ asseconda di come più torna utile ─ a volte << l’ateismo non esiste! >>, altre volte invece << Il male nel mondo è dovuto all’ateismo sempre più dilagante! >>

  • 1 mese fa

    A scrivere la storia è sempre il vincitore.

    Vorrà pur significare qualcosa? Manie di persecuzione a parte.

  • 1 mese fa

    Veramente, la Chiesa cattolica ha dominato l'Europa per secoli, e anche adesso ha molto potere. E' chiaro che se hai potere hai anche degli avversari.

  • 1 mese fa

    E' la stessa cosa che ha fatto la tua gentaglia parassitica nei tempi passati con gli antichi credi, i colpevoli principali della scomparsa di gloriose civiltà, tra cui quella greca, egizia e norrena. Chi non si convertiva al vostro piccolo dio invisibile veniva ucciso, e nessuno poteva professare la propria religione. Invece di piangervi addosso, state zitti e ringraziate il fatto che nessuno abbia più i mezzi per mettere in atto un nuovo olocausto.

    Fonte/i: Defendentemente: vuoi dire forse che voi rappresentate il bene?
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.