Come nella Roma antica, che male potrebbe fare all'Italia un leader, anche futuro, demagogo che incita le folle all'odio razziale ed ai ?

Aggiornamento:

facili guadagni e sovvenzionamenti senza lavorare?

Aggiornamento 2:

Lo erano eccome razzisti, non volevano far ottenere la cittadinanza romana agli italici delle regioni confinanti che davano uomini per combattere le loro guerre contro Germani, Galli, Iberici ed oltremare; addirittura aborrivano i nobili di famiglia, la plebe ed i nullatenenti che combattevano per la loro libertà, nel senso della libertà dei senatori.

Aggiornamento 3:

Qui ci sono persone che hanno le idee confuse. Andate a leggervi cosa pensavano Quinto Cecilio Metello Numidico, Lucio Cecilio Metello Dalmatico e Marco Emilio Scauro a proposito del generale ed Uomo Nuovo, Gaio o Caio Mario, non romano de Roma ma della provincia, per la precisione Arpino nel Lazio meridionale?

3 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa

    A Roma non sapevano manco che càzzo fosse l'odio razziale. Ai romani non interessavano le razze, non interessavano nemmeno i confini, perché per i romani tutto il mondo era Roma. L'imperatore era l'imperatore del mondo. Tra l'altro, per i romani, la Roma che contava non era quella europea, ma il nord Africa, il medio oriente, la Turchia, più dell'Italia e anche più della stessa Roma, tanto che l'Impero Romano non è caduto nel 476d.C. come ci danno da intendere gli storici europei, eurocentrici, ma nel 1453. Gli abitanti di Costantinopoli nel 1400 non chiamavano sé stessi bizantini, ma romani. Si aggiunga che si parlavano addirittura due lingue nell'Impero, il latino e il greco. Che quasi tutto l'esercito romano era composto di non romani (e l'esercito era la cosa più importante dell'Impero, i soldati erano dei privilegiati).Per altro la stessa cosa valeva per l'altro grande impero, la Persia. 

  • Ghost
    Lv 5
    2 mesi fa

    Roma era multietnica ed anche gli stranieri potevano diventare cittadini romani, studiare un po di storia non farebbe danno.

  • Gli antichi romani non erano razzisti

    L’editto di Caracalla non è d’accordo con questa affermazione, se fossero stati razzisti non avrebbero permesso l’immigrazione di popoli barbari nei loro confini, ne per usarli come soldati, senza contare che tra gli imperatori troviamo uomini provenienti da qualsiasi parte dell’impero

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.