Quale lingua scegliere mediazione linguistica ?

Ciao a tutti! Sono al primo anno di Mediazione Linguistica e devo scegliere 3 lingue. Su inglese e francese sono sicura ma sulla terza sono molo indecisa.

Inzialmente ero partita con l’arabo ma diverse persone mi hanno detto che essendo donna sarei svantaggiata nel mondo arabo. Vorrei sapere se questa cosa è vera o meno. Come seconda scelta c’è il russo o il tedesco ma credo che lo sappiano in molti, vorrei scegliere una lingua più competitiva! Qualcuno può aiutarmi?? 

8 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa

    Ciao Francesca, io ti consiglio di fare il cinese, ormai la Cina è il centro dell'economia...

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Il cinese sicuramente.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Russo, cinese, arabo sono molto diffuse, ma in effetti apprendere il cinese può aiutarti come interprete aziendale un domani, mentre con il russo puoi tentarti anche la carriera diplomatica negli ex paesi dell'URSS o di insegnante a Mosca. Eviterei il tedesco e includerei lo spagnolo, che come l'inglese è tra le più parlate al mondo.  

  • Brian
    Lv 6
    2 mesi fa

    Direi senz’altro il cinese, ormai la Cina è il centro dell’economia mondiale e con l’avanzata del tempo il cinese diverrà importante quanto lo è l’inglese oggigiorno.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    Non saresti svantaggiata: gli arabi che vengono in Italia, se vogliono avere a che fare con le istituzioni, devono abituarsi ad avere a che fare anche con le donne, di conseguenza esistono mediatrici donne e interpreti donne. Su questo punto, non devono rompere. La sola differenza sussiste in ambito medico: in quel caso, per una forma di rispetto, ASL e ospedali devono (dovrebbero) sapere che un uomo arabo va fatto visitare da un uomo e che una donna necessita delle cure di una donna. Poi secondo me sul fronte medico ci si adegua, nel senso: se io sono uomo e necessito di un'operazione urgente, mi faccio andar bene un medico donna. Per la mediazione culturale, tuttavia, è diverso, poiché si tratta di un approccio differente. Ma sempre cultura resta: parecchie ASL non dispongono nemmeno di mediatori arabofoni ma provenienti da altri Paesi. 

    Piccola news: i miei ex compagni che studiavano arabo mi dicevano come al primo anno ci si dedicasse solo ed esclusivamente alla scrittura. Di grammatica ne facevano poca e quel che facevano non era assimilabile perché dovevano finire di imparare a leggere e scrivere. Tolto questo: la terza annualità ti servirà a ben poco. Se è un esame del terzo anno non ha nemmeno senso pensarci. Nessuno lavora con la "terza lingua": a mediazione è l'esame più inutile che ci sia, io avrei preferito di gran lunga dare un esame professionalizzante, non quella schifezza tappabuchi che non serve a una mazza e ti fa portare via solo tempo prezioso (tra lettorati e prove d'esame eterne). O ti trovi una lingua che effettivamente ti piace o fai quello che di più facile si presenta. Da me tutti facevano o spagnolo o portoghese o catalano perché erano le sole a non prevedere la prova di lettorato, obbligatoria in tutti gli altri casi. 

  • 2 mesi fa

    secondo me è perfetto il tedesco, oggi giorno è importante conoscerlo, soprattutto nel mondo lavorativo!

    L'ho studiato alle superiori e devo dire che è una lingua molto bella fatta per bene.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Se nella tua università c’è cinese io te lo consiglierei vivamente, visto che è molto importante da un punto di vista linguistico visto che viene parlato da molte persone, in più è una lingua fantastica! Se cerchi una lingua un po’ di nicchia non so dirti...visto che di solito quelle sono meno richieste

  • 2 mesi fa

    Io sono una donna e farei l'arabo sicuramente, la cultura araba é affascinante, poi hanno un sistema di scrittura molto particolare: loro scrivono solo le consonanti e la A se si trova a inizio parola, perché la loro scrittura deriva dall'alfabeto consonantico fenicio,come il nostro, però a differenza del nostro (alfabeto latino) non hanno avuto l'influenza dei Greci che hanno aggiunto le vocali all'alfabeto nel 900 a.C. . Insomma studiando l'arabo scoprirai moltissime cose e anche da dove viene e i motivi della loro cultura, che non la devi per forza condividere, però conoscerla ti farà capire molte cose. Io sono a scienze della comunicazione e ho studiato un po'di linguistica, però se solo potessi andrei a fare mediazione linguistica e sceglierei Inglese, spagnolo (non è banale come sembra) e arabo 😍.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.