Hai mai sentito l'esigenza...di lasciare tutto alle spalle trasferirti in un luogo impervio a contatto con la natura 🌟?

Ispirata dal pittore Paul Gauguin, uno dei maggiori esponenti del post-impressionismo.

Ad un certo punto della sua vita, senti' l'esigenza di lasciare la metropoli, per trasferirsi a Pont-Aven in Bretagna, in un luogo impervio, rude, a contatto con la natura,influenzato dal racconto di Flaubert e "Il viaggio in Bretagna".

Sarebbe un'esperienza da fare, magari per un periodo di tempo. Non sarebbe male....

28 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa
    Risposta preferita

    Sono nato e cresciuto nella Città Eterna, una metropoli di circa tre milioni di abitanti. Al presente, non sento il desiderio di allontanarmi da dove mi trovo adesso, forse perché è il periodo in cui traggo maggiore soddisfazione dovuta al corso degli eventi della mia vita.

    In passato, ho viaggiato in molti Paesi europei e non. Ovunque fossi, sentivo profonda nostalgia dell'Italia e più specificamente della mia città. Il voler andare addirittura in un altro Paese non era in primis per un ipotetico lavoro maggiormente retribuito, né tanto meno per uno svago, bensì il viaggio era finalizzato alla convinzione —o meglio, illusione— che se avessi cambiato habitat, il resto sarebbe di conseguenza mutato. Ciò che doveva cambiare era il mio modo di pensare e vedere la vita con il fine dell'accettazione di me stesso.

    A distanza di tempo, quei viaggi sono stati delle fughe inutili che avrei potuto risparmiarmi poiché causa di maggior confusione dentro di me.

  • Serena
    Lv 7
    2 mesi fa

    Avoglia! Ho sempre avuto questo forte desiderio di stare a contatto con la natura.

    La città alla lunga disgusta.

  • 2 sett fa

    Si, certo ci penso spesso

  • Olena
    Lv 7
    1 mese fa

    Ah, e dopo si è trasferito ancora più lontano, cercando il contatto con la natura ancora più immediato e la società ancora più primitiva :-)

    Sì, mi piacerebbe molto ripetere almeno in parte la sua esperienza, ma nessuno apprezzerebbe la mia produzione artistica, quindi patirei fame e tornerei a casa in breve tempo :-D

    Seriamente, mi accontenterei anche di qualche rifugio meno lontano, magari con un orto da coltivare.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ?
    Lv 7
    2 mesi fa

    SI IN MINIERA.......................!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Mi sposterei solo per un buon lavoro che mi stimola e mi interessa a condizioni buone se no no Poi nella natura non credo al massimo vicino alla città

  • 2 mesi fa

    https://images.app.goo.gl/NvgmkbUh6Pwvx31o9

    Lui raggiunse Tahiti... 

    Il sogno recondito è fuggire in due su un faro sull'oceano Atlantico

    https://images.app.goo.gl/234u5SyQAZRRs8XV9

  • 2 mesi fa

    Flaubert fa questo ed altri effetti. Anche io ebbi un'ispirazione letteraria (colpevole Gogol'), parecchi anni fa.

    Sento quest'esigenza molto meno che in passato. Non perché non ami la natura e l'isolamento, al contrario, ma perché ho capito (a mie spese) che lasciarmi tutto alle spalle non ha niente a che vedere col luogo scelto per il mio "esilio".

    Sono fuggita per mesi (in senso letterale), credendo che, cambiando luogo, avrei avuto conforto, distrazione, consolazione.

    Niente da fare. Anzi, ho preso a odiare i luoghi che mi avevano ospitata in quei brutti giorni. 

    Bisogna stare fermi, altroché, risolvere, risolversi, e poi andare.

    Oggi, se dovessi, la mia non sarebbe fuga o bisogno di lasciarmi tutto alle spalle, ma solo curiosità, voglia di avventura e di bellezza nuova. Chissà, un giorno. 

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ma a parte la Bretagna il vero "lasciarsi tutto alle spalle" Gauguin lo realizzò negli ultimi anni di vita con il suo ultimo e definitivo viaggio per Tahiti e le Isole Marchesi dove si spense. 

    Io invece non posso scappare per sempre dalla mia vita e lasciarmi tutto alle spalle, posso solo allontanarmene temporaneamente. Fortunatamente ho un mio "buen retiro" in mezzo al nulla in cui rifugiarmi quando arriva quell'ultima goccia che rischia di  far traboccare il vaso.   

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Non saprei come cavarmela,non so fare nulla.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    A volte si, ma lo farei solo per un periodo breve,  in più di una settimana. Ho sempre vissuto in città (o comunque in centri abbastanza grandi), e ho bisogno della città. 

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.