sanguanel ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 2 sett fa

Nella attuale società relativistica, riuscite a mantenere un simbolo, una bandiera, un voto che vi guida come un faro nella tempesta? ?

Tutti i misticismi storici sono stati smantellati.

Religioni, tradizioni, folklorismo fantasy, moralismi, fanatismi, "usi e costumi" basati non si sa su ché, abitudini ataviche primordiali. 

Smantellati dalla scienza e le sue dimostrazioni. 

Quindi, che si fa? 

Come simbolo ci prendiamo la formula della Relatività o i principi di Lavoisier? 

Avete una bandiera? 

Serve? 

Aggiornamento:

@Serena.

Ero convinto che tu invece fossi una fan delle certezze. 

Ma comunque scrivimi un po', se ti va : senza certezze come si sta? 

Considera che hai una certa età, ma come si sentirà un giovane senza certezza alcuna, senza alcun faro, se non quello della fredda, micidiale Scienza? 

Aggiornamento 2:

@Serena.

Appunto! 

Per i giovani l'assoluta mancanza di certezze, di punti di riferimento certi, tranne quelli scientifici, potrebbe essere un problema. 

O forse no?

Mi sto ponendo anch'io delle domande.

D'altronde questa è all'origine una domanda.

Una domanda autentica, dove attualmente io non ho risposte. 

12 risposte

Classificazione
  • 2 sett fa

    La mia bandiera, la mia guida, il mio faro nella tempesta è semplicemente la mia famiglia.

  • 2 sett fa

    E' veramente molto personale, soprattutto se si cercano certezze esternamente è proprio lì che verranno sempre a mancare...eppure noi abbiamo sempre bisogno di un rapporto speculare, forse perchè sentirci troppo soli/isolati ci fa sentire spaesati e come precipitati sulla terra dalla bocca di un saltimbanco mangiafuoco. 

    Ho cercato certezze, come tutti credo, in simboli persone partiti idee ed ideali...ma quando ho notato l' illusorietà l' intensità e la velocità del mutamento ( non solo esterno) mi sono affidata a quella parte che ammetto certa ed apparentemente stabile di me stessa...nel frattempo spero e cerco di essere una certezza per chi, nel mio piccolo/grande orto, fa affidamento su di me...ma so che capiterà ad ognuno di scomparire ed ognuno dovrà tornare alle proprie ( personali) certezze, in un cerchio che rappresenta la spirale della vita.

  • Anonimo
    2 sett fa

    La Croce di Cristo è la mia certezza.

  • Geo
    Lv 7
    2 sett fa

    Sono un idiota, non sono fatto per i simboli esterni sotto la cui egida muovermi.

    Il simbolo lo creo io, e se vuoi puoi seguire il mio.

    E nel mio idioletto, l'idiota è persona "privata", non pubblica, nel senso che non ho niente da spartire con gli altri, per cui non ho né arte né parte.

    Come dicevo, la parte la fabbrico io.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    2 sett fa

    Io sono il mio faro. Sempre uguale e sempre diverso. 

  • Paolo
    Lv 7
    2 sett fa

    UNA GRAN FEDE NELLA RELIGIONE NON GUASTA ASSOLUTAMENTE......!!!!!!

  • wanial
    Lv 7
    2 sett fa

    caro Sanguanel, potrei risponderti con una canzone il cui ritornello che ricordo fa cosi...vivo la vita cosi alla giornata con quello che da.....non ho certezze solo di essere viva e che non so come né quando finira' anche questa...le certezze minime giornaliere sono quelle che abbiamo sempre , giorno, notte, pioggia o sole, lavoro o meno, ci sono anche quelli che non ne hanno specie in questo lungo periodo...altra incertezza come finirá'?fino all'adolescenza ne avevo, come tanti, giovanissimi sentiamo il mondo in una mano, cambiamento ,in meglio ovviamente, discussioni memorabili, letture e studi, partecipazione ecc.ecc. ..tutto svanito e prima del tempo, non solo la scienza ha aperto gli occhi e le menti, per chi ha letto pero', alla maggioranza e' bastato un lavoro sicuro meglio se bene remunerato e avuto con la spintarella, avere quello che sognava, casa, lavoro, auto, vacanze e il resto poteva andare  a farsi benedite...ci sono e c'erano tanti miliardi di persone messe male, senza lavoro senza casa, bambini denutriti non curati, guerre...qualche poverini in quel momento e poi nella propria comoda casa con i cari che per fortuna stanno bene e passa tutto.....

    avevo un simbolo, una persona degna di essere ancora ricordata, anche se ero troppo piccola per capire tutto, ho studiato e molto e spesso studio ancora,  passato tutto , si cerca la cosa immediata e facile...studio la societa' e me ne dispiace non ne ho un bel quadro....basta guardarsi attorno come si comportano la maggioranza degli abitanti di questo povero Paese che si sta sbriciolando e a cosa si pensa? la mascherina non la sopporto e non la metto e pensi che sappiano cosa sia la scienza e le sue scoperte??

    Einstein diceva...conosco un poco l'infinito , che sembra finito davanti all'infinita imbecillita' umana...tradotto con parole mie il significato é quello

    caro Sanguanel , se leggi appena fatta la domanda e basta ovvio che non trovi risposte  😊

  • Leo
    Lv 4
    2 sett fa

    Ho la certezza del Cattolicesimo che non sarà mai smentito dalla scienza, perché siccome Dio è puro spirito, non è scomponibile in termini matematici. Lo stesso principio è valido per i miracoli. Quando la scienza non può dimostrare che il corpo di Carlo Acutis è integro - a 15 anni dalla morte - la Chiesa lo considera un miracolo. Quando la scienza non può dimostrare le apparizioni di Medjugorje e le guarigioni inspiegabili che avvengono a Medjugorje la Chiesa parla di miracoli. Il 27/9 un malato di sla è andato a Medjugorje in carrozzina ed è tornato a piedi. In questo caso la scienza ha parlato di una guarigione inspiegabile sul piano medico e di esempi simili ne posso fare a milioni. Si tratta degli stessi fatti nei quali credete anche voi atei, ma poiché siete attratti dal luccichio dei svarosky falsi, sostenete a parole che non ci credete. Tuttavia, ecco un'altra certezza, i corrotti sono coscienti che si perderanno tutto. 

  • Anonimo
    2 sett fa

    Ci sono miliardi di persone in tutto il mondo che credono in Dio, ciò rappresenta per loro un faro. La tua visione scientista è dunque smentita dai numeri stessi.

  • Serena
    Lv 7
    2 sett fa

    Io non ho certezze. Sono una foglia al vento. 

    Ma non faccio mai del male agli altri.

    @ Sanguanel senza certezze non si sta bene e tuttavia l'unica certezza che ho è che nulla è sicuro, scontato, certo. Siamo preda del caso, del fato, della divina provvidenza...se esiste.

    Un giovane oggi se la pensasse come me, si troverebbe male, senza una guida ecco.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.