Anonimo
Anonimo ha chiesto in Relazioni e famigliaFidanzamento e matrimonio · 1 mese fa

L'aver avuto un conflitto col proprio padre può essere una delle cause dell'essere stato sempre rifiutato dalle donne ?

 Ho ormai 39 anni e in questi mesi sto facendo un'analisi interiore per capire il perché dei miei insuccessi con le donne, l'incapacità di riuscire neanche a farsi dare un numero di telefono, neanche di prendere un caffè insieme, dopo tutti i tentativi che ho fatto dell'adolescenza ad oggi. Sono arrivato a chiedermi se la causa dei miei fallimenti fosse in realtà dentro di me. In particolare sto analizzando il rapporto con i miei genitori. Con mio padre ho avuto sempre un rapporto molto semplice, nel senso che ho sempre dovuto fare quello che lui diceva, dire sempre si, pensarla sempre come la pensava lui, mai contrariarlo, farmi piacere quello che piaceva a lui, finanche i libri consigliati da lui e lo sport praticato e consigliato da lui. Poi 7 anni fa decisi di dire basta e di rompere con lui, ma senza litigare,  così di punto in bianco non ho voluto più sentirlo nè vederlo perché mi faceva stare male, mi opprimeva, soffocava completamente la mia personalità. Da allora non l'ho più visto nè sentito nè cercato. E non ho mai sentito la sua mancanza in alcun modo. Con mia madre invece ho sempre avuto un rapporto di complicità assoluto e ce l'ho tuttora. Però non sono mai riuscito a parlare di situazioni sentimentali con nessuno dei miei genitori. Forse perché ho avuto sempre insuccessi e quindi non mi andava di parlarne neanche con mia madre, per dirle poi che cosa? quella mi ha rifiutato e quell'altra ancora. Ma non so se i miei totali fallimenti con le donne sono dovuti al

Aggiornamento:

mio malsano rapporto con mio padre durato tanti anni dall'infanzia fino ai 32 anni. Forse quello mi ha fatto perdere autostima, ha bloccato la mia personalità. Non so, sto indagando dentro di me per capire dove sta il problema 

Aggiornamento 2:

Una volta due anni fa conobbi una ragazza algerina in vacanza a Parigi. Ricordo che parlammo insiemme, bevemmo un caffè e riuscii a farmi dare il numero. Sembrava interessata a me e non feci nulla di sbagliato per farle perdere interesse. Le chiesi se le andava di vederci il giormo dopo, e lei disse di si

Aggiornamento 3:

Poi però il giorno dopo non rispose piu nè al mio messaggio nè alla mia telefonata. Nei giorni seguenti riprovai a mandarle un altro messaggio e poi a chiamarla ma non mi rispose mai. Ecco giusto per raccontare l'episodio in cui mi è andata meglio con una donna. Gli altri episodi sono da dimenticare, fallimento assoluto 

10 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa

    Potrebbe anche essere che il rapporto non buono con il papà abbia segnato il tuo modo di relazionarti on gli altri, in particolare con le donne.

    Da bambini tutti vogliono bene al papà, è naturale ed è giusto.Solitamente nell' adolescenza ci sono rapporti conflittuali più o meno aspri.

    Tutti i ragazzi li vivono con un senso di colpa.

    "Non è possibile che il mio papà, a cui voglio bene, sia cattivo, per cui è certamente colpa mia".

    Questo è il meccanismo.

    Quasi sempre è sbagliato, perchè il torto è da tutte e due le parti, ma troppi padri non sanno fare il padre.

    Questo inconscio senso di colpa, porta a comportamenti sbagliati nel rapportarsi con il prossimo e una collezione di insuccessi nelle amicizie, nel lavoro, con le donne...

    Solitamente, chi ha una collezione di fallimenti con le donne, ha anche pochi amici o nessuno, è molto raro che sia pieno di amici con cui si diverte un sacco.

    Intorno a noi c'è un' aura che è fortemente influenzata dal nostro umore, dal nostro inconscio.

    Gli altri, inconsciamente, la percepiscono e può attrarli e  allontanarli.

    Quando, dentro di te, non sei in equilibrio, gli altri lo percepiscono, a livello inconscio e si allontanano.

    Questo ovviamente ti fa stare male e la situazione diventa una volta peggio, perchè sei sempre meno in equilibrio.

    Il mio consiglio è dare un colpo di spugna ad ogni cosa del passato.

    Chiudere tutto in un cassetto della mente, come formattare il computer.

    Donne è un termine troppo generico, come dire macchine o viaggi.

    Scegli il tipo di donna che vuoi,valuti in quali ambienti puoi trovarla, ti prepari delle vere e proprie tecniche comportamentali, quelle più adatte alla tua persona e parti deciso.

    Più fallisci, più provi, senza prenderterla mai, ridendoci sopra.

    Con questa mentalità, in poco tempo risolvi il problema.

    Io farei così, poi... ognuno fa come crede.

    Fonte/i: www.facebook.com/marco.merani
  • 1 mese fa

    Bellissima domanda, ti metto una stellina. Non sono uno psicologo e non saprei dirti se effettivamente il rapporto con tuo padre può essere stata la causa ma anche io come te sono messo male con le donne e non riesco a spiegarmi la ragione 

  • Anonimo
    1 mese fa

    ci sono persone che hanno genitori e famiglie stupende e sono persone belle a loro volta ma sono sole e non apprezzate

    al giorno d'oggi tutto va al contrario, le persone intelligenti, perbene, gentili d'animo purtroppo non vengono considerate mentre altre sembrano chissà chi e non lo sono, ma tanti ci cascano

  • Anonimo
    1 mese fa

    Avrà contribuito senz'altro,mi dispiace.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 mese fa

    Probabile, forse dovresti parlarne con un terapeuta. Considera che la figura paterna è quella che di solito aiuta a formare la personalità e il senso di sicurezza. Una figura paterna evanescente o inaffidabile potrebbe portare a problemi di insicurezza e mancanza di autostima. Non è automatico, ma succede. Credo che tuo padre non l'abbia fatto in maniera consapevole; anzi forse per sanare questo aspetto dovresti recuperare il rapporto con lui, un rapporto sereno con paletti e confini, tra due adulti, senza cercare la sua approvazione. Per le tue brutte avventure con le ragazze mi dispiace, anch'io ho subito parecchio l'indifferenza del sesso opposto (uomini) che ancora non mi spiego

  • Anonimo
    1 mese fa

    Credo sia come dico tu 

  • Anonimo
    1 mese fa

    A 39 anni ci si dovrebbe distaccare da quello che si era o si è passato nell'infanzia anche se son cose poco piacevoli ma un rapporto non deve mettere in discussione la tua capacità di relazionarti con una ragazza,devi essere autonomo in questo senso,concentrarti sul presente e non pensare al passato che ti fa ancora male,se non togli questo blocco che hai dentro di te,poco puoi fare,non è giusto che questo rapporto malsano che hai avuto con tuo padre possa condizionare la tua vita sentimentale.

  • 1 mese fa

    Perdonami ma l'esempio della ragazza algerina non mi sembra in alcun modo collegabile al rapporto di subordinazione di cui ritieni essere stato vittima per opera di tuo padre..forse puoi fare un esempio che più renda l'idea di quello che intendi.

    In questo esempio non sei stato ne' insicuro, né passivo, è semplicemente stato un tentativo andato a male,ma che cosa c'entra tuo padre in questo??

    Probabilmente sei tu che ti avvicini sempre allo stesso tipo di donna che reagisce sempre allo stesso modo..e solitamente in psicologia si ritiene che il figlio ricerchi un rapporto affettivo simile a quello instaurato con la propria madre,mentre la figlia al contrario andrebbe alla ricerca anche inconsapevolmente di un uomo che le ricordi il padre.

    Prova ad analizzare anche il rapporto con tua mamma ma in particolar modo io analizzerei la tipologia di donne a cui TU ti avvicini..e partirei da lì.Sei adulto e non avrebbe senso iniziare un lungo lavoro su te stesso e sul tuo passato..cerca di capire cosa cerchi in una donna e se cerchi quello che vuoi nelle donne sbagliate..

  • Anonimo
    1 mese fa

    No, non credo che dipenda da quello e ti dico questo perché tu hai comunque un buon rapporto con tua madre e dunque sai trattare con le donne, non provi disagio davanti a loro e anche il fatto che ci sono state tue iniziative, degli approcci o tentativi di conoscere, seppure conclusi male, dimostra che tuo padre, che hai smesso di considerare un modello sin da quando eri bambino, è assolutamente estraneo ai tuoi risultati e non può prendersi colpe che non ha. Un altra cosa: io non ho mai parlato alla mia famiglia delle mie relazioni e così anche i miei fratelli. Conosco ben poche persone che fanno questo. Ne ho parlato invece con gli amici, quelli più fidati. Riguardo la ragazza algerina è anche possibile che ti abbia dato buca perché solitamente le ragazze musulmane escono se accompagnate dal fratello o dal padre, mai da sole o con un amico che non è il fidanzato ufficiale, ed è possibile che i membri della famiglia, saputo la cosa, le abbiano anche impedito di vederti. Succede. Non vedere mai la cosa come un fallimento, se non conosci tutti i retroscena della questione. Semplicemente non fermarti e continua la tua ricerca perché prima o poi troverai la persona giusta, cambia solo laghetto dove pescare (vai in palestra, fai un corso di studio, iscriviti a recitazione, canto etc o ovunque ci siano donne con i tuoi interessi), perché funziona così per tutti. Isolarsi con i propri pensieri e pensare ai fallimenti non aiuta, fa diminuire l'autostima e ti fa perdere solo tempo.   

  • 1 mese fa

    Un rapporto molto semplice???

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.