Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiStudi di genere · 1 mese fa

A scuola siamo arrivati alla fine della seconda guerra ?

Chi mi fa un breve riassunto sugli ultimi anni, i partigiani, la liberazione? Su internet è troppo difficile e lungo mi serve una cosa breve 

3 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa
    Risposta preferita

    L'8 settembre 1943 fu reso noto con un radiomessaggio di Eisenhower l'armistizio stipulato fra gli Alleati angloamericani e il Regno d'Italia. I Tedeschi, che si aspettavano da mesi il voltafaccia italiano, occuparono tutti i punti nevralgici della Penisola: i passi del Brennero e del Tarvisio, Milano, Verona, Firenze, Bologna, Roma, Orte, Tivoli, Frascati, Pescara fino alla Linea Gustav, situata poco a nord di Napoli. Gli Angloamericani si attestarono su quella linea e non riuscirono a sfondarla sino al maggio del 1944, nonostante i numerosi bombardamenti aerei e di artiglieria che provocarono la distruzione totale di Ortona e dell'abbazia di Montecassino. Il Regio Esercito Italiano si sbandò; centinaia di migliaia di soldati furono catturati dai nazisti e deportati nei campi di prigionia in Germania, altre migliaia furono uccisi, altri ancora si diedero alla macchia contribuendo alla nascita dei primi nuclei partigiani nell'Italia centrosettentrionale. Hitler liberò Mussolini dalla prigionia sul Gran Sasso e lo pose a capo della Repubblica Sociale Italiana (nota anche come Repubblica di Salò), uno Stato fantoccio dei Tedeschi, come il Regno del Sud era uno Stato fantoccio degli Alleati. La guerra si trascinò per mesi: Roma fu liberata nel giugno del 1944, Firenze nell'agosto di quello stesso anno, ma poi le armate angloamericane (insieme a contingenti canadesi, brasiliani, francesi, polacchi) furono bloccate ai piedi della Linea Gotica dalla Wehrmacht. I partigiani non potevano affrontare i Tedeschi in campo aperto (la Wehrmacht e le SS disponevano di semoventi d'artiglieria, carri armati, blindati, lanciafiamme e armi pesanti come cannoni antierei, mortai e mitragliatrici), quindi adottarono tattiche di guerriglia con agguati alle colonne di rifornimenti e di soldati, imboscate, assalti alle caserme e ai depositi di armi e munizioni, sabotaggi, attentati dinamitardi. I Tedeschi reagirono istituzionalizzando la pratica della rappresaglia contro i civili (10 civili italiani fucilati per ogni soldato tedesco ucciso) e distruggendo interi paesi come Marzabotto e Sant'Anna di Stazzema. Solo nell'aprile del 1945 le divisioni statunitensi, britanniche, canadesi sfondarono la Linea Gotica e dilagarono nella Pianura Padana. L'insurrezione partigiana che "liberò" Milano, Torino, Genova avvenne solo dopo che gli Alleati avevano varcato il Po. Mussolini fu catturato e fucilato dai partigiani comunisti in circostanze ancora non del tutto chiarite.         

  • Anonimo
    1 mese fa

    Si, allora. Negli ultimi anni l'Italia era occupata dall'esercito tedesco così si formano dei gruppi di ribelli, i partigiani. Solo che questi partigiani erano mal equipaggiati e invece che prendersela con i soldati tedeschi (perché si cagavanó sotto ad affrontarli) se la prendevano con i poveri civili italiani, ammazzando, derubandoli e stuprano bambine innocenti. Se non fosse stato per l'aiuto degli alleati americani e francesi l'Italia adesso sarebbe ancora invasa dai crucchi.

    Breve e conciso. Prego, grazie, ciao 

  • Anonimo
    1 mese fa

    Soluzione?

    Esci da Answers, leggi e studia.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.