nonexistent ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 mese fa

In che senso 'ognuno è artefice del proprio destino'?

Aggiornamento:

@Cassy, desideri e preghiere? E funzionano? :)

14 risposte

Classificazione
  • Ragno
    Lv 4
    1 mese fa
    Risposta preferita

    Sei o non sei tu che prendi le decisioni che ti riguardano?

    Credi che se hai un incidente in auto, la colpa è di chi ha estratto il minerale dal sottouolo per ricavare le lamiere che ti si sono accattorciate attorno, oppure la colpa è tua perchè hai deciso di trincare bianchini e poi scorazzare in giro in auto?

    Poi oltre questo c'è la sfiga, ovvero incrociare qualcuno che cambia il tuo destino per te,( quello che si è bevuto i bianchi e si è messo al volante) ma c'è anche la fortuna per lo stesso motivo di prima, ti cambiano il destino ma questa volta in meglio.

  • ?
    Lv 7
    1 mese fa

    Che siamo sempre responsabili dei nostri pensieri parole e azioni...la frase credo sia un pro-memoria per chi tende a "scaricare" sempre sugli altri e sul mondo esterno il peso delle sue scelte e quindi di buona parte della sua vita.

  • ?
    Lv 7
    1 mese fa

    Ognuno dovrebbe aver la libertà di scegliere per sé.

    In realtà poi tutti siamo condizionati quotidianamente nelle nostre scelte. 

    Alle volte sono le situazioni che ci cambiano la strada... Mantenere fede ad un disegno di vita prestabilito non è così semplice. 

    Buon pomeriggio 

  • ?
    Lv 7
    1 mese fa

    IN FUNZIONE DI QUELLO CHE, O NON CHE, COMBINA..............FABER QUISQUE EST FORTUNAE SUE................DICEVANO I LATINI.............................!!!!!!!!!!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Potresti fare due passi a piedi, oppure salire su un caccia e sfrecciare ai 400 km/h zigzagando tra le vette montuose.

    Nel primo caso guadagni in salute, nel secondo caso probabilmente la salute la perdi definitivamente. 

  • Il proverbio ha un carattere legato alla religiosità delle persone. Nei primi anni del secolo scorso, i protestanti, specie in America, pregavano, ma vedevano la mano di Dio esclusivamente attraverso il benessere economico ed il proprio destino non si poteva cambiare. 

    Se il conto economico era pieno ed il lavoro abbondava, allora si era nati predestinati al bene di Dio, altrimenti non si era nelle Divine Grazie.

    La mentalità odierna, cattolica, è diversa; Dio predestina tutti al bene, è il credente attraverso il suo comportamento a scegliere di avvicinarsi o allontanarsi dalla predestinazione al bene di Dio. 

    La prova che tutti sono predestinati al bene di Dio, anche i "cattivi" si trova in Matteo 7, versetti 9,11:

    "Chi tra di voi al figlio che gli chiede un pane darà una pietra? O se gli chiede un pesce, darà una serpe?"... “Nessuno!” Perché nessuno dà una pietra al proprio figlio, quando costui chiede pane. Nessun padre e nessuna madre danno un serpente al figlio, quando costui chiede loro un pesce. E Gesù trae l'univoca conclusione: "Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano!".

    Gesù ci chiama cattivi per accentuare la certezza di essere ascoltati da Dio quando chiediamo qualcosa di buono. Perché se noi, quanto più sappiamo dare cose buone ai figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano! Dunque siamo noi, secondo il proverbio, i fautori del nostro destino, in base alle nostre azioni.

    Fonte/i: ho studiato qualcosa di sociologia.
  • 1 mese fa

    Se non fai nulla per cambiare qualcosa, il tuo destino non sarà roseo 

  • Karym
    Lv 6
    1 mese fa

    Sono d'accordo in parte..Ovvero in parte siamo artefici del nostro destino. Se tu da giovane hai delle ambizioni, studi in maniera costante e raggiungi ottimi risultati, è probabile che abbia una vita ricca di soddisfazioni. Se invece spendi il tuo tempo male, con droghe, giochi d'azzardo e nullafacenza, probabilmente il tuo futuro non sarà dei migliori.

    Dico che siamo artefici "in parte", perchè purtroppo a volte inciampiamo in alcuni imprevisti, e con tutta la buona volotà purtroppo non ci fanno andare le cose come vorremmo.

  • Tutti noi prendiamo delle decisioni, grandi o piccole, che nel corso degli anni possono rivelarsi sbagliate. E quindi ne paghiamo le conseguenze avendo delle problematiche, sensi di colpa o frustrazione, delusioni ecc... Anche se ci comportiamo male, o compiamo delle azioni sbagliate nei confronti degli altri, riceviamo indietro con maggiore negatività quello che abbiamo in precedenza dato. Siamo noi a scegliere cosa è bene, o male, però spesso involontariamente avendo una mentalità ristretta possiamo fare qualcosa che nel tempo si rivela dannosa. Non è il destino, ma la via sbagliata che abbiamo praticato, e ci prendiamo il frutto delle nostre azioni. L'uomo semina in modi differenti, e ne raccogliamo il prodotto delle nostre opere, se per esempio ti metti nei guai perché ti droghi "è un esempio, se poi ti rallentano i riflessi, hai problemi di concentrazione la colpa è del destino?" Rifletti, spesso scegliamo gente negativa, e poi ci portano in brutte strade..... Però, siamo noi ad aver scelto di volere restare con quelle persone.

  • Geo
    Lv 7
    1 mese fa

    NonExisting:

    ci sono più cose nel Cielo e nella Terra...

    Cassio ti ha detto una cosa da non sottovalutare.

    Uno che conosco io è guarito dalla vitiligine con la preghiera. 

    Non è cosa mia, però.

    Comunque le scelte sono più importanti di quello che pare dire Cassiopea.

    Le sai le sliding doors?

    Eppoi io credo che ciascuno, volendo, potrebbe trasformarsi.

    E "quando", poi.

    Io sono diverso da com'ero una volta. Chissà che sarebbe successo se mi fossi trasformato prima.

    Ma poi pensa a Francesco d'Assisi: la sua vita sembrava fatta, ma lui ha cambiato tutto radicalmente.

    Non è argomento facile.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.