Anonima ha chiesto in Arte e culturaStoria · 1 mese fa

Breve riassunto sulla “Questione Romana”?

1 risposta

Classificazione
  • 1 mese fa
    Risposta preferita

    Con l'espressione "Questione romana" si indica l'aspirazione dei repubblicani mazziniani e dei monarchici sabaudi ad annettere Roma (capitale dello Stato della Chiesa) al Regno d'Italia e a renderla capitale dello Stato italiano al posto di Torino (o, in seguito, di Firenze). L'intangibilità di Roma, tuttavia, era garantita da una convenzione internazionale e dalla protezione militare assicurata dalle truppe francesi di Napoleone III, contro qualsiasi attacco proveniente dall'esercito del Regno d'Italia o dalle milizie volontarie di Garibaldi. Nel 1864 l'Italia stipulò una convenzione col Secondo Impero francese: in base a tale accordo, la Francia si impegnava a ritirare entro due anni le truppe presenti sul territorio pontificio, purché il Regno d'Italia non invadesse il Lazio e Roma. Nel 1867 Garibaldi, con circa 10.000 volontari, penetrò nel territorio pontificio, ma venne sconfitto dai papalini e da un battaglione di soldati francesi nella battaglia di Mentana. Solo nel settembre 1870, durante la guerra franco-prussiana, il Re d'Italia Vittorio Emanuele II poté inviare in tutta sicurezza divisioni del Regio Esercito per conquistare il Lazio e penetrare in Roma (breccia di Porta Pia). Il Papa Pio IX si considerò prigioniero politico, e Roma venne proclamata capitale d'Italia nel 1871. La Questione romana fu definitivamente risolta soltanto nel 1929, con la firma dei Patti Lateranensi fra la Santa Sede e il Regno d'Italia.           

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.