Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 4 sett fa

Storia Giovanni il teologo cercasi?

Crisi agricola.i terreni si impoveriscono perché?diminuisce la disponibilità di schiavi perché? necessità di mantenere efficienti gli eserciti?aumento delle tasse . Svalutazione della moneta e inflazione.spopolamento delle città.

1 risposta

Classificazione
  • 4 sett fa
    Risposta preferita

    Nel III secolo d.C. l'Impero Romano andò incontro a una grave crisi agricola. I terreni si impoverirono e si esaurirono a causa dell'eccessivo sfruttamento (i concimi naturali dell'epoca non potevano reintegrare efficacemente i sali minerali e l'azoto sottratti al terreno dai cereali e dalle altre colture), diventando sterili. Probabilmente concorse a tale esito anche un cambiamento climatico che interessò il bacino del Mediterraneo e provocò una diminuzione nelle precipitazioni piovose. La disponibilità di schiavi a Roma diminuì a causa della cessazione delle guerre di conquista (l'ultima grande guerra fu quella di Traiano contro la Dacia, 101 - 102 e 105 - 106 d.C., che si concluse con l'annessione di questo regno all'Impero Romano e con la creazione della provincia di Dacia). La necessità di mantenere efficienti gli eserciti tuttavia rimase, perché i confini terrestri, fluviali e marittimi da presidiare erano molto estesi. In Europa, le legioni sorvegliavano il corso dei fiumi Reno e Danubio, il Vallo di Adriano in Britannia, il limes germanico-retico (Agri Decumates) e la Dacia; in Asia, il confine fra Roma e l'Impero partico era fissato sull'Eufrate, ma occorreva monitorare anche il deserto arabico, da cui potevano provenire improvvise e violente scorrerie di beduini; in Africa, i Romani occupavano una lunga fascia di terra fertile, le frontiere erano più labili e meno definite, e andavano dalla catena montuosa dell'Atlante fino alla valle del Nilo. Il mantenimento delle legioni e delle flotte di Roma era costoso, ciò ebbe come conseguenza l'aumento delle tasse per i cittadini di Roma, mentre prima i costi erano scaricati sugli abitanti dei regni clienti o delle province o erano diminuiti dalle campagne di conquista. Tuttavia, teatri bellici come la Britannia e la Germania non offrivano molte opportunità per fare ricchi bottini. Le continue usurpazioni e le guerre civili verificatesi fra III e IV secolo d.C., senza contare le insurrezioni e le ribellioni, causarono la svalutazione della moneta, l'inflazione (aumento dei prezzi dei generi di lusso e di prima necessità), lo spopolamento delle città a favore delle campagne.         

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.