Anonimo
Anonimo ha chiesto in Affari e finanzaAziende e imprese · 1 mese fa

Partita IVA: scaricare tecnologia?

Ciao, i miei genitori hanno una partita IVA e non hanno mai scaricato acquisti tecnologici fatti per lavoro perché il loro commercialista diceva loro o che non potevano farlo o che avevano bisogno di certi requisiti per farlo. Per esempio mio padre si è comprato un iPhone a parte per il lavoro e lo ha pagato prezzo pieno perché il commercialista gli diceva che per poter scaricare doveva fare una SIM a nome del negozio e che non si poteva se il prezzo del cellulare superasse una certa cifra. Recentemente hanno comprato una macchina fotografica per fare foto di prodotti e mi hanno detto che scaricheranno l'IVA su di essa. 

Adesso mi sorge il dubbio perché una mia amica mi ha detto che lei ha scaricato sia il PC che il cellulare. Inoltre, cercando su Google leggo che si può scaricare l'80% sui prodotti tecnologici. Ma 80% di che cosa? Dell'IVA o del prezzo pieno?

Come funziona tutto ciò?

Aggiornamento:

@Anonimo Se la legge permette di scaricare su acquisti lavorativi perché non dovrebbero farlo? Sto chiedendo come funziona tale legge visto che non sono esperto in materia. Voglio vedere te ad avere un finto negozio e pagare le tasse che le p. IVA devono pagare. Se non sei informato puoi anche evitare di sparare cazzate.

Aggiornamento 2:

@Anonimo2 Grazie mille per la risposta. Mi sono informato e hanno un ATECO 47.19.90, se il prezzo supera i €516,16 cosa succede? Ovviamente i prodotti comprati vengono utilizzati per lavoro. Per esempio, il cellulare è usato per contattare gli ingrossi e ricevere i prodotti.

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa
    Risposta preferita

    Probabilmente si parlava dell'ammortamento.

    Con la nuova legge, è possibile ammortizzare qualsiasi bene strumentale del 100%, a patto che non superi i €516,16.

    Da un punto di vista contabile, ammortizzare immediatamente un qualsiasi bene a utilità pluriennale significa abbattere il suo costo definitivamente, portandolo a zero.

    In questi termini, se lo dovessi vendere, avresti una plusvalenza che andrebbe a incrementare il tuo utile finale.

    Poi penso che il commercialista sostenesse che non si possa comprare un bene con la partita IVA per uso personale. Se ad esempio compro un PC ma lo uso per cazzeggiarci, verrei sanzionato, perché scaricherei il credito IVA che deriva dall'acquisto.

    Non so che attività abbiano i tuoi, ma se non lavorano con cellulare o computer, scaricare l'IVA su un bene che non usano per scopi lavorativi sarebbe solo frode verso lo stato.

    @se il prezzo supera i €516,16, la quota di ammortamento sarà ordinaria.

    Nel caso dei dispositivi elettronici, dovrebbe aggirarsi su un'aliquota del 15%.

    Per quel che riguarda il cambio della SIM, probabilmente dovevano fare un passaggio e acquistare pure la SIM con la P.I. Purtroppo non me ne intendo.

    Nel caso della deduzione dei costi dei dispositivi elettronici, di quel famoso 80% di cui parlavi, serve principalmente a calcolare la base imponibile su cui si computeranno l'IRAP (Imposta Regionale per le Attività Produttive) e l'IRES (Imposta sul REddito delle Società: di capitali).

  • Anonimo
    1 mese fa

    Nessuno regala niente.. non è che siccome hai un negozio automaticamente compri a prezzo stracciato le cose per farti i cavoli tuoi. Altrimenti avremmo tutti un finto negozio da qualche parte.

  • clara
    Lv 7
    1 mese fa

    La partita IVA mica è uguale per tutti!

    Ogni partita IVA ha un codice ATECO ossia un codice che identifica il settore della tua attività. Ti occupi di informatica? Allora la tua partita IVA ha il codice ATECO del settore informatico.

    Bhe in base a questo codice ATECO cambiano anche le regole per quanto riguarda le detrazioni IVA su determinati prodotti!

    Da quando in qua due kazzate legge sul web valgono di più di quello che dice un commercialista?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.