Anonimo
Anonimo ha chiesto in Computer e InternetSicurezza · 2 mesi fa

I positivi al virus in Italia vengono isolati o escono ugualmente? ?

Oramai i positivi da noi sono migliaia, molti asintomatici o lievemente positivi, ma è possibile che escono ugualmente infettando gli altri? O stanno rigorosamente isolati? Come impedire loro di uscire?

3 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa

    Non solo vengono isolati i positivi - tutti i positivi indipendentemente dai sintomi, ma pure tutti coloro che sono stati a stretto contatto nelle 48 ore precedenti con un positivo, se si riesce a capire chi c'è stato. I positivi rimangono in isolamento fino a che non sono negativizzati, coloro che sono stati a stretto per 10 giorni salvo positività del tampone. 

    Questo significa che se tua madre per dire, risulta positiva, tu ti fai 10 giorni a casetta tua, se il tampone è negativo. Altrimenti rimani fino a che non diventa negativo. 

    Ovviamente non li puoi legare in casa, quindi se un positivo decide di uscire, esce, ma compie un reato. Ed è questo il deterrente.

    Ovviamente l'isolamento non è a tenuta stagna per vari motivi, per dire il virus potrebbe incubare 12 giorni invece che 10, quindi tu esci all'undicesimo convinto di non contagiare nessuno, ma invece tra due giorni diventi contagioso. (I 10 giorni sono calcolati in base alla probabilità, cioè per quasi tutti i casi i 10 giorni sono sufficienti, per una piccolissimissima parte no). Il tampone potrebbe dare un falso negativo (succede rarissimamente, ma succede). Potresti fare il tampone oggi e venire contagiato 20 minuti dopo averlo fatto. Ecc...

    Per quanto riguarda i casi odierni, la stragrandissima maggioranza del contagio avviene in ambito familiare, cioè uno che si contagia torna a casa e contagia tutta la famiglia, inoltre molti casi vengono trovati grazie al tracciamento del contagio.

    Cioè io sono positivo, so di aver incontrato Tizio, quindi Tizio viene isolato fa il tampone ed è positivo, per altro questo è uno dei 21 valori usati per decidere se una regione è gialla, arancione o rossa. Infatti il tracciamento è una cosa importantissima perché riduce il fattore di contagio. Mi spiego. Diciamo che il fattore di contagio è 2. Io contagio 2 persone, loro ne contagiano 4, poi 8, 16 e così via. Poi io vengo trovato positivo, ma gli altri no, quindi continuano a contagiare. Con il tracciamento invece, la catena si ferma prima. Quindi i luoghi dove la catena si riesce a costruire hanno un fattore di rischio minore. 

    Ma significa anche che si trovano molti più casi positivi di quelli che si trovavano a marzo, perché si controlla più gente e soprattutto si controlla con più metodo seguendo il contagio, tanto che per calcolare il fattore di contagio non contano i casi totali, ma solo i sintomatici perché così si riduce la varianza, infatti se uno sta male o meno non dipende da quanti tamponi facciamo più di 8 mesi fa. 

    A marzo con il lockdown totale in corso, se uno era positivo, nella stragrande maggioranza dei casi, ai familiari il tampone non lo si faceva nemmeno. Perché? Tanto erano chiusi in casa tutti. E in quel periodo la maggior parte si è negativizzata senza manco sapere di averlo passato. 

    In sostanza si è impedito al virus di circolare. 

    Ovviamente non tutta la gente si è negativizzata, infatti il contagio è ripartito, cosa che per altro si diceva anche dopo la fine del lockdown, rispettate le misure perché il virus non è scomparso. E aggiungo, non scomparirà, non scomparirà nemmeno con il vaccino, con il vaccino terremo solo sotto controllo i casi. La poliomelite non è scomparsa, c'è ancora, solo che con la vaccinazione, il contagio si è ridotto quasi a zero, il tetano c'è ancora solo che oggi con il vaccino i casi sono meno di 10 l'anno e non decine di migliaia. Il vaccino abbasserà notevolmente il tasso di contagio. Un vaccino che funziona 90 volte su 100, significa abbassare il tasso di contagio da 2.5 a 0.25, cioè molto meno del minimo raggiunto in questi mesi e nel frattempo arriveranno cure più efficaci.

  • Gli viene detto di restare a casa per 14 giorni, questo accade se vengono beccati fuori verrano multati.

  • V
    Lv 5
    2 mesi fa

    Gli asintomatici NON esistono.

    È solo un'invenzione. Sono persone perfettamente sane che NON trasmettono alcuna malattia. Sono utili a mantenere in piedi uno stato di emergenza senza che ci sia un'emergenza reale. Esistono i portatori sani, persone che si sono infettate, che portano un ceppo virale morto nell'organismo e non contagiano. Solo i malati contagiano.

    Il virus è una truffa globale colossale.

    Bisogna uscire il più possibile, stare all'aria aperta, respira ossigeno e non veleno per colpa di quella museruola pericolosa che ti fa respirare CO2.

    Devi mangiare bene, tante vitamina C e D soprattutto e fare attività fisica.

    Il virus è solo l'espediente per creare il Nuovo Ordine Mondiale, ridurre l'umanità in schiavitù.

    Meditate, gente! Meditate!

    https://www.youtube.com/watch?v=aCDsNJpZHlk

    Youtube thumbnail

    Fonte/i: Francesco Amodeo
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.