Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiStudi di genere · 2 mesi fa

Quando provate a conoscere una ragazza, la avvisate subito che siete beta o non le dita niente ?

Lo lasciate scoprire a lei o lo dichiarate subito per evitare brutte figure in seguito? Secondo voi è meglio dirlo subito a lei o tenerlo nascosto?

Aggiornamento:

Ragazzi dico seriamente. Se qualcuno di voi è beta, può capire quello che dico 

17 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa
    Risposta preferita

    Per correttezza andrebbe detto sempre secondo me 

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ma beta è il tipo della tua malattia mentale grave?

    Algernop Krieger 

  • 2 mesi fa

    Se ti stai riferendo alla suddivisione "maschio alfa-maschio beta", beh ci sono alcune cose che mi lasciano perplesso. 

    In primo luogo si tratta di una suddivisione psicologica alquanto poco definita che o suddivide le persone in maniera altalenante a seconda delle situazioni, o mette assieme persone con caratteri esageratamente diversi oppure lascia fuori da questo schema il 90% dei ragazzi che conosco... 

    Il che è naturale, perché si tratta di una suddivisione troppo semplicistica e come ogni visione semplicistica lascia il tempo che trova. 

    Tuttavia farò uno sforzo e ammetterò che esista tale suddivisione e che da una parte possiamo mettere tutti i ragazzi che sono in grado di affrontare uno scontro o di provocarlo quando vogliono ottenere qualcosa, dall'altra i ragazzi che faranno di tutto per evitare lo scontro. Credo che sia questo il discrimine tra beta e alfa, considerato che nella visione comune delle cose il maschio alfa è "dominante" e nello scenario umano possiamo intendere "dominio" la capacità di prendere il centro dell'attenzione di una scena, vuoi con capacità fisiche o mentali, e quindi di mostrare tutte le proprie potenzialità con un grado di sicurezza invidiabile. 

    Lo scontro qui è, di conseguenza inteso, come l'inevitabile dinamica di confronto per prendersi il centro della scena: può trattarsi di uno scontro fisico o mentale dove ne esce vincitore chi a proprio modo dimostra di essere più dotato del suo avversario. E' un modo molto schematico di mostrare la situazione ma credo che sia fedele.

    In quest'ottica il beta evita lo scontro, lascia il centro dell'attenzione ad altri e si limita all'osservazione intervenendo di quando in quando a favore di un alfa a lui favorevole. Descritto in questo modo, un esempio di carattere beta è un carattere schivo, capace di osservare e tendenzialmente sensibile psicologicamente (evita lo scontro e il centro dell'attenzione per lo stress che tale posizione gli provoca) e emotivamente. Attenzione, sensibile, non debole. 

    Potrei quindi descrivere l'Apologia del Beta, come un elogio alla capacità di ascoltare e appoggiare tipiche di questa figura. E si può dire molto anche perché un certo grado di sensibilità è utile in ogni relazione, non solo quelle di coppia. Ora la domanda è: è essenziale che lei sappia che voi eviterete lo scontro? 

    MMM, sì, forse, ma questo non giocherà a vostro favore. In primo luogo perché nella vita di coppia esisteranno momenti (esistono sempre, non nascondiamolo) in cui il partner cercherà in noi sicurezza e protezione, non solo accoglienza e calore. Ah, ma noi siamo beta, non saremo mai in grado di... Balle. E il motivo è semplice: quando entrerà nella nostra equazione di maschio beta qualcosa a cui teniamo molto, allora facilmente ci trasformeremo. "non ho il coraggio, sono debole, non sono fatto per..." tutto questo si risolve con un unico pensiero, un pensiero rivolto a lei. Non dobbiamo temere: come animali sociali siamo programmati per diventare delle bestie feroci se la nostra cosa più preziosa viene anche solo sfiorata da qualcosa di pericoloso o malvagio. 

    Se ciò non dovesse accadere, se cioè non sappiamo difendere nemmeno la persona a cui teniamo di più, allora forse dobbiamo pensare due volte a quello che stiamo facendo. E non parlo di difesa fisica, perché nella vita tantissime volte potremmo anche solo trovarci a difendere la nostra lei in una discussione verbale. 

    In secondo luogo il punto è proprio questo ma più generale. E' vero, magari non combattiamo spesso. Ma per le cose a cui teniamo dobbiamo imparare a combattere. Altrimenti forse, non teniamo davvero a quelle cose. Teniamo solo a noi stessi? Ok, va bene. Ma magari teniamo anche alla nostra felicità? E se le cose che ci rendono felici sono in pericolo? cosa facciamo? le lasciamo andare? ok. va bene. e saremmo disposti a lasciar andare anche l'unica ragazza che siamo riusciti a conquistare? non credo. Quindi sì, dire che sei beta può essere considerato equivocabile, può sembrare di dire "ehi, mi piaci e vorrei stare con te, ma se dovessi aver bisogno di me io non sarei in grado di aiutarti" 

    Un brutto inizio, non trovi? 

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ancora con questa stronzata di "alfa" e "beta"? Ciascuno di noi può essere sia alfa che beta a seconda diciamo dal campo, dai contesti, dai casi e dalle situazioni. 

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Passala a prendere con il mezzo giusto,

    non dovrai aggiungere altro.

    Attachment image
  • 2 mesi fa

    ma perchè devo dire che sono beta

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ma che scherzi ?

  • Anonimo
    2 mesi fa

    mi sto masturbando di brutto, fatemi smettere o vi inondo tutti

  • Ragno
    Lv 4
    2 mesi fa

    Alfa, beta, gamma, tanto le donne hanno l'abilità di rigirarci come vogliono...

  • 2 mesi fa

    Non ce n’è bisogno. Quello greco è l’unico alfabeto che le donne conoscono anche senza averlo mai studiato.

  • 2 mesi fa

    In generale non ho mai amato le classificazioni o distinzioni. Tu sei tu, fine. Sii te stesso e bon.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.