Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Lord Brummel ha chiesto in SportSport invernaliSci · 5 mesi fa

853 vittime  in un giorno, siamo il Paese con maggior numero di decessi quotidiani del mondo e le regioni premono per riaprire piste da sci?

Aggiornamento:

Saggio l'anonimo/a

Aggiornamento 2:

Belle risposte Sally e Wania

Aggiornamento 3:

Anonimo/a di mezzanotte eccellente analisi condivisibile

Aggiornamento 4:

Per altro gli albergatori e proprietari di funivie temono mancati ricavi per 13 mld di euro

Aggiornamento 5:

Valentina, spero che il governo vi dia una bella fetta di ristori, io ho sempre amato la montagna e ci sono stato più volte in Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Valle d'Aosta

6 risposte

Classificazione
  • Sally
    Lv 7
    5 mesi fa
    Risposta preferita

    ehi ma come lo negano???? i saputelli negano tutto , poi lassu'con tutti i morti ancora vogliono aprire di tutto e di piu', aprissero poi i primi ad ammalarsi non rompessero eh

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Starò a casa solo con la mia famiglia per tutte le feste, stare a casa é l'unica soluzione, ho avuto 2 casi di Covid in famiglia ed é stato un inferno, non voglio passarci di nuovo.

  • 5 mesi fa

    Sono nata e ho vissuto in un posto di montagna e purtroppo l inverno per noi equivale a lavoro.

    La maggior parte delle persone non ha un contratto indeterminato quindi lavora a stagioni e qui da noi la stagione invernale parte i primi di Dicembre fino a fine Aprile in concomitanza con l apertura e la chiusura delle piste da sci.

    Se gli impianti rimarranno chiusi le nostre regioni e cittadini compresi ne soffriranno moltissimo. Regioni come la mia vivono solo grazie al turismo.

    La maggior parte delle persone è impiegata presso ristoranti, bar, hotels, impianti di risalita, tutto gira intorno allo sci e al turismo.

    Nessuno di queste persone può permettersi di rimanere senza lavoro tutto l inverno.

    Io personalmente capisco e condivido la scelta del governo in questo momento delicato. Ma purtroppo tante persone che rimarranno senza lavoro sono molto amareggiate, anche perché questa estate si è permesso agli italiani di fare le vacanze al mare e stare tutti appiccicati gli uni sugli altri nelle spiagge.

    Ora non so quanti di voi siano mai andati a sciare, ma ognuno sta a cavoli propri e a distanza di altre persone. Di certo se si comparassero le due cose (estate con spiagge piene, lungomare pieni, locali e discoteche piene e montagna con gente che scia e rispetta le distanze di sicurezza) lo sci risulterebbe meno rischioso.

    Purtroppo dobbiamo guardare la realtà in faccia, sarà un altro anno di mer**.

    Tutti ci rimetteremo, non si salva nessuno.

    Dobbiamo solo pregare e sperare che tutto questo finisca presto

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Prima ascoltavo un approfondimento in tv sulla questione delle piste da sci, si lamentava il fatto che queste strutture ricettive non possono restare chiuse a fronte dell’economia che sostengono, compreso l’indotto. Quindi alberghi, maestri di sci, (suppongo radiologi privati e costo del gesso), ecc. Fin qui ancora posso capire, certo. Ma poi son saltata dalla sedia perché il politico di turno (non ricordo chi fosse) sosteneva che tali impianti non sono la solita “discotechina” da voler riaprire per capriccio ma ne ha fatto una questione di necessità, di priorità quasi come se la montagna fosse un salvagente per salvare l’Italia. Forse per salvare le sue vacanze, ho pensato da buona malfidante. 

    Voglio dire, non è corretto questo schieramento economico: montagna sì, cenone al ristorante sotto casa no, albergo in montagna sì, discoteca no, negozietto all’angolo chiuso da mesi, ma settimana bianca non si tocca. Anche perché il numero di contagi e di morti è ancora alto per buttarla già in caciara pensando a come festeggiare il Natale. 

    Io direi restiamo concentrati a non beccare questo virus che può essere una passeggiata o una tragedia. 

    Fosse per me, Natale a casa con i congiunti e zitti tutti. Poi se tutto va bene, a fine gennaio con numeri bassissimi, si riaprono le scuole e l’Italia e chi vuole vaccinarsi lo fa. 

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    4 mesi fa

    Vale, se sei in svizzera vengo a sciare da te

  • wanial
    Lv 7
    5 mesi fa

    e che dire???? da quelle parti sono migliori degli altri se ne stessero lassu' chi va a sciare senza rompere quando rientrano nelle case altrove....ah forse non e'vero che muoiano per il covid  loro non lo credono chi sa

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.