Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 3 mesi fa

ANALISI “LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA”?

1) Dal punto di vista del contenuto la canzone si può dividere in due parti, una descrittiva e una riflessiva. Individuale e sintetizzale.

2) La rappresentazione del ritorno della vitalità per le strade del borgo è compiuta dal punto di vista del poeta. Quale parola segnala la sua presenza?3) A partire dal verso 2 le percezioni uditive si alternano ogni tre versi con quelle visive, eccetto che in un blocco centrale di cinque versi in cui sono presenti entrambe. Scrivi a fianco dei gruppi di versi seguenti qual è la percezione sensoriale prevalente (vista o udito).vv.2-4vv.8-10vv.16-18vv.22-24vv.5-7vv.11-15vv.19-214) Lo sguardo e l’udito del poeta si estendono per un vasto orizzonte. Individua le parole e le espressioni che suggeriscono spazi estesi, vaghi e indefiniti.5) Il ritorno alla vita nel borgo coincide con un movimento dall’interno all’esterno. Individua le espressioni che si riferiscono al moto dentro/fuori e all’apertura verso l’esterno.6) Al buio e all’indistinto fragore della tempesta (che restano impliciti nella poesia) subentrano la luce e il rumore della vita che ricomincia. Individua le parole e le espressioni che si riferiscono alla serena luminosità e ai suoni.7) Insieme con il verbo “tornare“ (-tornata-, v.3 e -torna-, v.10) l’idea della rinascita è suggerita dai verbi con prefisso iterativo /ri-/: individuali nel testo.8) Qual è il verso della seconda strofa che contiene l’idea centrale della canzone? Spiegane il contenuto.

Aggiornamento:

9) Provare un piacere per uno scampato pericolo è una reazione naturale in tutti gli uomini, tra cui il poeta include quali segnali linguistici nel testo segnalano che anche il poeta condivide con gli altri uomini questi sentimenti?

10) A quali interlocutori si rivolge il poeta nella terza strofa?11) La canzone si chiude con un’espressione che si presenta come uno stimolo (morte risana) ma che se si colloca nel sistema di pensiero di Leopardi non lo è, perché?

Aggiornamento 2:

12) Nell’epiteto -cortese- (v.42) rivolto alla natura e nelle parole positive: doni, diletti, piacer, gran guadagno, cara, felice, beata; si coglie da parte del poeta un’intenzione sarcastica. Spiega con le tue parole perché si può parlare quindi sarcasmo.

13) Quale significato assumono le parole -quiete- e -tempesta- ?

1 risposta

Classificazione
  • 3 mesi fa
    Risposta preferita

    1) Dal punto di vista del contenuto la canzone si può dividere in due parti, una descrittiva e una riflessiva. Individuale e sintetizzale.

    Prima parte: dal verso 1 al verso 24. Questa prima parte descrive come la vita torni a rinascere passata la tempesta. Gli uccelli tornano a cantare, i domestici riaprono le finestre delle case, il venditore torna a camminare per le vie del paese, la fanciulla esce a riprendere l’acqua. 

    Seconda parte: dal verso 25 al verso 54. In questa seconda parte Leopardi riflette su come l’uomo provi gioia per la vita solamente dopo la cessazione di una sofferenza o di una paura. 

    2) La rappresentazione del ritorno della vitalità per le strade del borgo è compiuta dal punto di vista del poeta. Quale parola segnala la sua presenza?

    Il verbo “odo”, in prima persona. 

    3) A partire dal verso 2 le percezioni uditive si alternano ogni tre versi con quelle visive, eccetto che in un blocco centrale di cinque versi in cui sono presenti entrambe. Scrivi a fianco dei gruppi di versi seguenti qual è la percezione sensoriale prevalente (vista o udito).vv.2-4(udito), vv.5-7(vista)

    vv.8-10(udito), vv.16-18(udito) vv.22-24(udito) vv.11-15 (vista) vv.19-21 (vista)

    4) Lo sguardo e l’udito del poeta si estendono per un vasto orizzonte. Individua le parole e le espressioni che suggeriscono spazi estesi, vaghi e indefiniti.

    “Rompe là da ponente, alla montagna”, “Sgombrasi la campagna”, “nella valle”, “odi lontano”

    5) Il ritorno alla vita nel borgo coincide con un movimento dall’interno all’esterno. Individua le espressioni che si riferiscono al moto dentro/fuori e all’apertura verso l’esterno.

    “Fassi in su l’uscio”, “Vien fuor la femminetta”, “Apre i balconi,

    Apre terrazzi e logge la famiglia”

    6) Al buio e all’indistinto fragore della tempesta (che restano impliciti nella poesia) subentrano la luce e il rumore della vita che ricomincia. Individua le parole e le espressioni che si riferiscono alla serena luminosità e ai suoni.

    “ augelli far festa” “la gallina ripete il suo verso”, “ecco il sereno”, “chiaro nella valle il fiume appare”, “ogni cor si rallegra”, “risorge il romorio”, “cantando”, “grido giornaliero”, “il Sol che ritorna, ecco sorride”, “tintinnio di sonagli”, 

    “il carro stride”.

    7) Insieme con il verbo “tornare“ (-tornata-, v.3 e -torna-, v.10) l’idea della rinascita è suggerita dai verbi con prefisso iterativo /ri-/: individuali nel testo.

    “risorge”, “ritorna”, “ripiglia” 

    8) Qual è il verso della seconda strofa che contiene l’idea centrale della canzone? Spiegane il contenuto.

    “ Piacer figlio d’affanno”. Significa che l’uomo prova gioia solo dopo aver scampato un pericolo o dopo la cessazione di un dolore. Solo un affanno quindi può generare un piacere. 

    9) Provare un piacere per uno scampato pericolo è una reazione naturale in tutti gli uomini, tra cui il poeta include quali segnali linguistici nel testo segnalano che anche il poeta condivide con gli altri uomini questi sentimenti?

    Lo si capisce quando il poeta usa il pronome “noi”: “nostre offese”, “fra noi”, 

    10) A quali interlocutori si rivolge il poeta nella terza strofa?

    alla natura e nei versi finali al genere umano 

    11) La canzone si chiude con un’espressione che si presenta come uno stimolo (morte risana) ma che se si colloca nel sistema di pensiero di Leopardi non lo è, perché?

    Perché per Leopardi non vi é alcuna felicità dopo la morte, é semplicemente un destino a cui l’uomo deve rassegnarsi. 

    12) Nell’epiteto -cortese- (v.42) rivolto alla natura e nelle parole positive: doni, diletti, piacer, gran guadagno, cara, felice, beata; si coglie da parte del poeta un’intenzione sarcastica. Spiega con le tue parole perché si può parlare quindi sarcasmo.

    Si può parlare di sarcasmo perché l’intenzione di Leopardi é quella di mostrare la malvagità della natura, la quale per farci provare gioia ci “dona” unicamente la sofferenza. 

    13) Quale significato assumono le parole -quiete- e -tempesta- ?

    Quiete: gioia, piacere 

    Tempesta: dolore, affanno

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.