Atei ma voi negate completamente Gesù oppure lo considerate come un normale personaggio storico?

In fondo si tratta di uno dei personaggi più influenti di tutta la storia.. il nostro calendario parte da lui...

negarlo completamente penso che sia difficile.. 

qual'è la vostra opinione?

Pensate che sia tutto inventato o che in parte c'è stato davvero qualcosa?per esempio alcuni potrebbero considerarlo come un normale personaggio storico come lo era per esempio Giulio Cesare.  Io personalmente lo considero come insegna la Bibbia (e NON come insegnano le Chiese)

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa
    Risposta preferita

    Alcuni negano anche che sia esistito storicamente (nonostante la maggior parte degli storici affermi il contrario).

    Altri credono che la sua figura derivi da altre leggende.....

    Altri ancora dicono che era un "alieno" (ne ho sentito uno di persona affermarlo con convinzione).

    Insomma, hanno una confusione assurda, come al solito.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Che un uomo chiamato Gesù, che ha aizzato le folle contro il potere romano e dei sacerdoti ebrei del tempo, sia esistito realmente oramai è accettato anche dalla maggioranza degli storici, anche atei.

    Diverso il discorso sul Gesù figlio di Dio e sui presunti miracoli, in questo caso è solo una questione di fede.

    L’esistenza e la resurrezione sono due cose distinte, la prima non viene negata dalla negazione della seconda.

  • ?
    Lv 6
    2 mesi fa

    Semplice essere umano, la parte divina è rubata dalle antiche mitologie.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    che ce ne sia stato uno storico è probabile, ma quello ideale di cui si parla ora penso sia tutt altra cosa, anche perchè i vari pezzi della storia arrivata fino oggi sono identici a pezzi di biografie di tanti altri profeti e divinità precedenti.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    2 mesi fa

    È un normale personaggio storico attorno al quale hanno costruito un alone di mito e leggenda. Non c'è da stupirsi. È una cosa che gli uomini fanno  Probabilmente, parlando di Che Guevara fra mille anni , si dirà che gli uomini di quel tempo lo hanno visto volare e che era in grado di fare cose memorabili....

  • 2 mesi fa

    Di sicuro colui che ha ispirato il più grande e misterioso mistero scientifico cioè la Sindone.

    Riuscire a riportare l'immagine di una persona in 3D su una stoffa, davanti e di dietro, con assoluta precisione,è già miracoloso di suo.

    Gli atei possono dire tutte le scemenze che vogliono, resta il fatto che è un mistero che nessun ateo sa come si sia creato.

  • ?
    Lv 7
    2 mesi fa

    è ormai dimostrato che è un falso, un brutto romanzetto d'appendice con assurdità che stanno solo nella mente malata degli autori (del 4° secolo). Un prodotto che è buono solo per i mentecatti.

  • 2 mesi fa

    Se Cristo fosse un fatto storico solo perché delle antiche fonti ne parlano, allora anche la RESURREZIONE sarebbe un fatto altrettanto storico: nessuno può negare che in questo caso vi è una marea di fonti antiche che ne parla.

    Se viceversa pensiamo che sia lecito dubitare del secondo fatto storico, allora è altrettanto lecito dubitare pure del primo fatto storico.

    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

    Fino all'anno 1000 ─ mi riferisco al nostro mondo cristiano ─ non esisteva ancora il mito della crocefissione, perlomeno non come lo intendiamo noi oggi! E quello che è successo in seguito (dopo il 1000 DC) non è stata una RISCOPERTA … è stata una RE-INVENZIONE ex-novo del mito di Cristo.

    A tal proposito invito tutti a vedere tre filmati, preceduti da mie descrizioni.

    (1) << I secoli bui >> è un filmato trasmesso anche dalla RAI e insinua il dubbio della crocefissione come INNESTO recente applicato all’albero del cristianesimo. Approfitto di questa circostanza per spiegare che le "parole" impresse nella nostra memoria sono INNESTI mnemonici: cioè le INFORMAZIONI acquisite in tenera età … si possono confondere con le ESPERIENZE realmente vissute. E se ci pensiamo con serenità ─ partendo dal fatto che nessuno di noi è vissuto nell’anno 1000 ─ quel nostro SAPERE CON CERTEZZA che i cristiani di allora adorassero lo stesso Cristo che si adora oggi … è … un innesto apportato alla nostra memoria!!!

    È chiaro che nemmeno io ho vissuto quel periodo, tuttavia tra il 300 e il 1000 ─ cioè da quando il cristianesimo si è affermato come religione di stato … all’inizio del basso medioevo ─ i cristiani sepolti sono stati centinaia e centinaia di milioni, eppure le loro tombe sono spoglie (del tutto prive) del simbolo della croce. E che piaccia o che non piaccia … quella gente non aveva motivi per non adornare i propri cari defunti con il simbolo a loro più caro.

    Per cui solo un indottrinato potrebbe arrivare a sostenere: << Nella sola area che un tempo costituiva il più grande impero di tutti tempi (l’impero romano) sono state trovate la bellezza di TRE MEZZE-CROCI (di origine incerta) antecedenti l’anno 1000! E quelle TRE MEZZE CROCI (di origine sconosciuta) sono sufficienti a poter affermare senza ombra di dubbi che: << Il Cristo crocefisso era venerato … già prima dell’anno 1000! >>

    A tal proposito vorrei si prestasse particolare attenzione al MINUTO 18:30 (mi riferisco al filmato) cioè quando il critico d’arte Waldemar Januszczak asserisce a chiari lettere: << Perché il Gesù torturato è una CREAZIONE >> … ripeto … << è una CREAZIONE del medioevo più TARDO: un'espressione del senso di colpa e del terrore medievale! >>

    https://vimeo.com/199685225

    (2) << Il Vangelo di Giuda >> è un filmato prodotto dalla National Geographic e fa sorgere il sospetto che dietro l’antisemitismo della chiesa ci sia un segreto ancor oggi ben custodito … dentro un qualche armadio del Vaticano.

    Se noi pensiamo a Tomás de Torquemada (e a tantissimi altri inquisitori) non andiamo mica troppo indietro nel tempo, voglio dire il reato di consanguineità con chi mille anni prima era stato un traditore … reato che giustificava la persecuzione dei giudei (i discendenti di Giuda, ossia gli ebrei) … è un’accusa tipica del BASSO MEDIOEVO (il medioevo più vicino a noi).

    A parte l’assurdità del principio di ereditarietà di un reato, tuttavia è innegabile che Giuda fu molto meno colpevole dei Romani … per la morte Cristo! E allora perché la chiesa non cercò mai di giustiziare pure i romani … ossia i discendenti diretti di chi oggettivamente aveva assassinato Cristo.

    Cioè, se ci pensiamo un attimino, un presunto marxista che per soldi avrebbe consegnato un suo fratello nelle braccia dei maccartisti, potrebbe essere … per i marxisti … più criminale dei maccartisti?

    Io ─ da marxista – non avrei dubbi: CHI TRADISCE PER SOLDI È SOLO UN MISERO TRADITORE, OSSIA UNA PERSONA ASSAI MENO CRIMINALE DI CHI OGGETTIVAMENTE HA AMMAZZATO UNA MAREA DI COMUNISTI, COLPEVOLI SOLO … PER IL LORO ESSERE COMUNISTI.

    Perché sto dicendo questo? Perché la scusa della discendenza non regge affatto, nasconde qualcos’altro: gli ebrei sapevano quello che non bisognava sapere e dunque era necessario zittirli … DEFINITIVAMENTE!

    Il punto cruciale di quest’altro filmato è l'ora 1:18:00, ossia il momento in cui gli autori dichiarano: << A differenza dei Vangeli del nuovo testamento, in quello di Giuda non si parla della Crocefissione […] Omettendo la crocefissione, il Vangelo di Giuda ESASPERA la tensione tra la chiesa cristiana delle origini e gli gnostici. >>. E con quel “ESASPERA” si allude anche (e in particolare) allo sterminio dei giudei.

    https://www.youtube.com/watch?v=9fue3HMAsE8

    Youtube thumbnail

    (3) Ne << "L'imperatore Costantino" >> di Alessandro Barbero, si accenna alla faziosità delle fonti storiche che ─ come quelle moderne ─ vanno sempre prese con le pinze. << Chi scrive le fonti non scrive di solito per farci un piacere e raccontarci la verità. Chi scrive ha la stessa pozione che oggi può avere Marco Travaglio o Sallusti: scrive perché deve difendere una posizione; ha dei nemici e ha degli amici … Le fonti non possono essere prese alla lettera. >>

    Insomma essere mentalmente liberi non vuol dire credere a quello che ci pare, ma nello stesso tempo non vuol dire neppure credere ciecamente negli scritti.

    Le fonti a nostra disposizione vanno vagliate tutte e bisogna saperle “incastrare” tra loro, inoltre bisogna capire che possono essere di diversa natura: le monete, i monumenti, i cimiteri (etc., etc., etc.) sono anch’esse delle fonti e tutte hanno qualcosa da dirci.

    E se fino all'anno mille le fonti tacevano sul mito della crocefissione, significherà pure qualcosa!

    ATTENZIONE AL MINUTO 52’, ossia quando Alessandro Barbero parla dei sogni premonitori e del fatto che le raffigurazioni dei soldati di Costantino non portavano tracce dei simboli cristiani. Certo qualcuno dirà << La fonte magari mente sulla visione di una croce, però ne parla … e questo implica che il mito della crocefissione c'era già! >>

    Il guaio è che la fonte non parla affatto di crocefissi, parla vagamente (e mentendo) di simboli cristiani.

    https://www.youtube.com/watch?v=Mu2o8amNew0

    Youtube thumbnail

    Fonte/i: P.S. Tantissime persone assumono un comportamento da squadrista se non ripeti il pensiero dell’autorità costituita e questo perché alcuni di noi non hanno il dono della riflessione e … << L'irriflessivo rispetto per l'autorità è il più grande nemico della verità. >> Albert Einstein. E a proposito del fatto che la religione è il dito (la cieca ubbidienza ad una autorità umana) e non la Luna delle nottate di buio pesto … << C’è una fondamentale differenza tra la religione, che è basata sull’ AUTORITÀ, e la scienza … quest'ultima è basata sulla OSSERVAZIONE e sul RAGIONAMENTO! >>. (Stephen Hawking)
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.