Cieloazzurro ha chiesto in Arte e culturaFilosofia · 2 mesi fa

Cos'è il bene per i filosofi non cristiani?

2 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa
    Risposta preferita

    Io ti rispondo non come anti-cristiano, non come anti-gnostico, non come anti-credente, non come ANTI qualcosa … ma  … come PRO qualcosa: io sono sinceramente convinto di un certo tipo di ateismo.

    E come direbbe Salomone: << Quando litighiamo non è detto che l’altro si meriterebbe di essere spaccato in due  … potrebbe anche essere che abbiamo torto noi. >>

    Vedi, se io andassi in giro a dire che tu hai mangiato un bambino e questo per evitare che la gente ascolti le tue idee. Io sono convinto che dopo qualche mese tu mi odieresti.

    Sì, lo so, << Perché odiarmi quando puoi dimostrare che la mia accusa è falsa! >>

    In realtà dimostrare significa << aprire la bocca >>, e se la gente è stata addestrata per bene, non ti permetterà di farlo! E basta pensare all'odio medievale contro gli ebrei: le fandonie dei vertici della chiesa non si reggevano in piedi, tuttavia la gente (i popolani ignoranti) conosceva solo quella versione dei fatti. E se ti documenti un pelino converrai con me che chiunque provava a difendere gli ebrei  … agli occhi della gente diventava immediatamente un Giuda e - prima ancora che terminasse il suo discorso - bisognava randellarlo per bene.

    Ho detto questa roba qua per farti capire che le fandonie sono come il Cognac: se ne bevi un intero secchio … dopo … nella tua testa l’AGGRESSIVITÀ diventa CORDIALITÀ e viceversa.

    . . .

    Io da ateo mica non credo nel bene, io al bene ci ho sempre creduto! Tuttavia l’idea di bene che ho in testa oggi è diversa rispetto a quella che mi ero fatto a 15 anni. E questo significa che il << bene >> è una parola generica, un po’ come la << soluzione >> di una equazione algebrica: noi non dobbiamo credere nella parola << soluzione >>, noi dobbiamo risolvere l’equazione.

    Nella fattispecie il bene varia asseconda se siamo banchieri, se siamo contadini o se siamo barboni: per noi è un MALE frugare nella spazzatura, ma dopo qualche giorno che non vediamo cibo … diventa un BENE.

    Insomma, senza scendere nei dettagli che ci vorrebbero dei mesi per dipanarli tutti, diciamo che per me è un bene – su larga scala – aver capito che dietro ogni “offesa” diretta a me … c’è una idea che ritiene di essere stata ferita dalle mie parole e dunque merita di essere ascoltata! Ed è un male – sempre su larga scala – pensare: << le idee vanno rispettate e chi non lo fa … va radiato! >>

    No le idee vanno ascoltate, vanno capite, vanno vagliate, non vanno censurate … però vanno dialetticamente offese (combattute). Anche perché il "rispetto" dell’idea << i comunisti mangiano bambini >> è un "paradosso": come posso io rispettare una idea che non rispetta le mie idee.

  • 2 mesi fa

    interessante il parere di Averroè, dagli un' occhiata

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.