Vavax
Lv 7
Vavax ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 2 mesi fa

Citare la fonte dei nostri convincimenti non ci sminuisce?

Siamo noi a pensarla come i gradi della storia, letteratura, musica, filosofia o quel che volete, o sono loro a pensarla come noi?

Riconoscersi lo comprendo, ma mi chiedo e vi chiedo non vi viene mai il dubbio che anche senza loro noi saremmo gli stessi?

Non è lapalissiano ciò che ci viene spesso proposto?

19 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa
    Risposta preferita

    Ciao Vav. Una fonte è lì per dissetare, anche quando non c'è più acqua: un tempo, lì, quella fonte dissetava, e disseta ancora, ricordando che un tempo era là per dissetare. E noi ci pieghiamo per bere di quella fonte. A volte ci si sente ebbri, ci dà alla testa pensando che sia nettare per le nostre parole, ed ubriachi di questo le parole sono proferite a profusione, le proferiamo preferendo quella fonte perché pare sudore della nostra fronte, uno specchio in cui ci riflettiamo, confondendoci: siamo noi o siamo un bacino contenitore?

    Personalmente credo che parlare con la bocca degli altri non ci faccia onore, è causa di trasmissione virus (l'ha detto TizioCaio eh) ma d'altra parte penso che collegare qualsiasi cosa ad una fonte sia fonte di gran discernimento e conoscenza di un gran numero di zampilli d'acqua, e scegliere dove dissetarsi fa sì che non morirai mai di sete.

    Poi boh...io credo che senza Philiph Roth io resti sempre la stessa...ne sono convinta.

  • 2 mesi fa

    Arriviamo a formulare i nostri convincimenti perchè, in un percorso formativo, veniamo a conoscenza delle esperienze di grandi uomini del passato remoto e del passato prossimo che hanno dato un significativo contributo in vari campi.

    Ad un certo punto potremmo anche noi spiccare il volo e sublimare la nostra intelligenza, e molti lo fanno in cose apparentemente semplici o complesse.

    Non vedo la ragione  per cui ritenere che citare la fonte dei nostri convincimenti ci possa sminuire, al contrario, mostra la nostra umiltà ed il nostro rispetto per chi con i propri talenti, capacità, sacrifici a volte ad alto costo ha contribuito nei vari campi del sapere, arte, musica ecc.

    Non mi viene mai il dubbio che saremmo gli stessi, non si diventa adulti senza avere dei genitori, tantomeno che siano loro a pensarla come noi... la storia non va al contrario. 

  • ?
    Lv 7
    2 mesi fa

    Quando citiamo frasi di qualche " grande" ( inventore filosofo etc etc) dietro a quel pensiero si presuppone un iter non solo meditativo ma spesso operativo...una vita dedita ad una idea/ideale e quindi è una estrapolazione di una architettura complessa... di solito di una certa coerenza e consistenza, il fatto poi che tali personaggi abbiano un certo peso culturale/intellettuale fa il resto.

    Ovvio che il mio input momentaneo, frutto di un lampo di genio ( e magari l' avessi !) che non si esprime sempre con la coerenza e la forza necessaria, può avere un impatto minore, anche se qualsiasi sparso pensiero credo abbia la sua energia, non nego che ognuno possa avere una rara intuizione assimilabile ai migliori, ma rimane il loro ruolo ( importante) di nostri portavoce e rappresentanti di modelli evolutivi in atto.

  • wanial
    Lv 7
    2 mesi fa

    se parli di geni del passato siamo noi ad aver appreso qualcosa che non conoscevamo affatto, troppe cose non sappiamo, non comprendiamo . quindi loro ci hanno aperto la mente con le loro opere...

    se parli di oggi sicuramente hai ragione, chi segue ad occhi chiusi senza ragionare   ovvio che non pensa segue e via, molto spesso per chi e'' attento alle parole altrui le trova o inutili o cretine nella loro ovvieta'

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Serena
    Lv 7
    2 mesi fa

    Concordo con Wanial. Se Newton non si fosse posto domande sulla caduta della mela, noi non conosceremmo il principio della gravità, tanto per fare un esempio. 

    Sminuire le grandi menti non mi sembra una buona idea. Tante cose abbiamo imparato da loro ed il progresso ne è figlio. 

    Poi non tutti hanno grandi intuizioni, io per esempio sono una rapa.

    Curiosa domanda la tua.

  • 2 mesi fa

    E' nato prima Vavax o la gallina? Ottima domanda, dico sul serio.

    Ok, semi-serio, non credo sia una questione di sminuire o meno chicchessia ma di credibilità acquisita attraverso la consapevolezza e la capacità di sublimare un certo spirito di osservazione o l'esperienza indotta o diretta in pensiero realmente critico, con cognizione di causa.

    Ti faccio un esempio pratico ed evidente a chiunque qui sopra: ci sono utenti che esprimono il proprio pensiero citando spesso le farine dei sacchi altrui.

    Penso a Specchio, per dire, che nonostante ciò (o grazie a ciò) non perde un grammo della propria onestà intellettuale, della propria integrità e credibilità: semplicemente sublima le fonti distillandole in pensiero 'relamente condiviso'.

    E ci sono utenti che si grassano di citazioni che stonano, che risultano vere e proprie aberrazioni, pose snob: si appropriano di un vestito che li veste malissimo, che non gli appartiene, che 'non li corrisponde', e si vede.

    Ecco, la differenza sta tutta qui, nella naturalezza o meno dei modi (che corrispondono alle intenzioni), non nel veicolo in sè.

  • Paolo
    Lv 7
    2 mesi fa

    PERCHE' MAI...............??????????????

  • Bruno
    Lv 7
    2 mesi fa

    le scoperte e le cose belle rimangono....vengono tramandate........se non fosse così dobbiamo riscoprirle ogni volte

    magari ne hanno create 100mila e a noi ne arrivano 10 o 20

  • cirro
    Lv 5
    2 mesi fa

    Dipende dal contesto

  • 2 mesi fa

    A mio parere è un'ammissione. Anche se ti viene in mente da solo, e poi un bel giorno apri un libro e dici "ah, qualcuno l'aveva detto prima di me".

     È un modo per ammettere caldamente di aver scoperto l'acqua calda 😂

    E di "acqua calda" ne scopriamo fin troppa da che la scrittura è stata inventata millenni fa.

    Però allo stesso momento fa piacere. Sapere che qualcuno la pensava come te ti dà fiducia in te stesso, e la fiducia libera lo spirito... 

    infine, ti induce davvero a cercare ciò che non è mai stato pensato.

    Pensa se un uomo volesse diventare  ricercatore scientifico scoprendo tutto da solo a partire dal fuoco... Mission Impossible. Non ci sarebbero più progressi.

  • 2 mesi fa

    Non su Answers.  C'è anche il coso apposta per citare le fonti facoltativamente. ☺️

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.