Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoLegge ed etica · 5 mesi fa

Non c'è più libertà di pensiero/parola?

Perché chi non condivide una certa opinione(che da un certo gruppo di persone- più o meno ampio -viene ritenuta più giusta di un'altra) cercando pure di esprimersi senza voler offendere nessuno viene giudicato subito negativamente(bigotto, retrogrado, razzista,fascista,...)? Alla fine è un controsenso, se c'è davvero libertà di pensiero, e di esprimerlo, le opinioni "opposte" riguardo a qualcosa dovrebbero poter essere libere di coesistere. Parlo in generale, ma i primi ambiti che mi vengono in mente sono la politica, orientamento sessuale/identità di genere, messa in discussione della scienza ecc

7 risposte

Classificazione
  • 5 mesi fa
    Risposta preferita

    Perché ormai si vive nella società del Pensiero Unico: non c'è libertà di pensiero in senso lato: o la pensi come è stato imposto di pensare, oppure non puoi avere un pensiero. E bada bene, questo non avviene come nel passato, attraverso razioni di sane manganellate, ma attraverso il manganello più subdolo, quello dell'emarginazione, della messa al bando, del discredito, della censura de facto. Diceva Goebbels: ripeti una menzogna dieci, cento, mille, un milione di volte, ed essa diventerà vera. Ecco quello che fanno attraverso i mezzi mainstream asserviti al regime: ripetono centinaia, migliaia di volte le loro menzogne, e alla fine la gente le reputa vere. E lo stesso avviene anche a livello più basso, tra la gente comune: se esprimi un pensiero difforme, ci sono sempre i cosiddetti "leoni da tastiera" che ti danno addosso, senza confutare le tue ipotesi, come vorrebbe il procedimento Socratico, ma insultandoti, screditandoti, deridendo le tue tesi a prescindere. E dove non si riesce a creare un muro di ostilità attraverso argomenti più o meno attinenti, ecco che partono gli insulti e le accuse di razzismo, sessismo, fascismo, negazionismo... E' la dittatura del pensiero, cui da diversi anni mi sto opponendo con tutte le mie forze, fino ad arrivare alla violenza fisica pur di difendere il mio diritto di opinione. 

  • ?
    Lv 7
    5 mesi fa

    Esatto.

    Diciamo che viene IMPOSTA (in genere dai media e secondo la politica del buonismo e del politically correct da anni imperante) una linea di pensiero e chiunque si azzarda ad alzare il ditino ed a dire "veramente io non sono d'accordo" viene immediatamente tacciato con i peggiori insulti ed emarginato all'istante.

    Beh, francamente non me ne frega proprio niente.

    Ok, ditemi pure che sono fascista, che sono razzista, che sono maschilista, che sono retrogrado, che sono quello che vi pare.

    Tanto io continuo a pensarla come dico io.

  • Anonimo
    4 mesi fa

    Secondo me è molto peggio, la libertà di poter  esprimere un tuo pensiero c'è, ma le persone sono "programmate" per avere tutti lo stesso modo di pensare, se uno la pensa fuori dagli schemi allora viene considerato sbagliato   

  • 4 mesi fa

    E pensare che abbiamo l'art 21 della costituzione

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 4 mesi fa

    The freedom is not free.

  • 4 mesi fa

    Di recente qualcuno ha posto il quesito :

    Per quale motivo quel tizio che ha sempre dimostrato nel tempo di essere un fanatico estremista politico, non può esprimere la sua opinione tecnica su un argomento tecnico di cui è pure molto esperto? 

    Qualcuno scrisse : "Non è giusto! È un tecnico esperto ed ha il diritto di opinione tecnica". 

    E qualcun altro scrisse : "Se hai passato tutta la tua vita a pubblicizzare una forma politica, non puoi pretendere che all'improvviso la gente ti osservi come se il tuo passato da militante non sia mai esistito". 

  • Nick
    Lv 7
    5 mesi fa

    quella è psicolgia di massa, non c entra con la libertà

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.