Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoEsercito · 2 mesi fa

Ma i romani come facevano a conquistare territori andando a piedi?

14 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa
    Risposta preferita

    Si, me lo chiedo anch'io, visto che gli avversari avevano gli scooter...

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Andavano anche a cavallo e sulle bighe/carri

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Anche i Russi andavano a piedi per combattere in Francia contro Napoleone, e poi c'erano comunque i cavalli. 

  • 1 mese fa

    I bimbiminkia nutellosi del 2020 non lo possono sapere, perché sono abituati ad andare in macchina anche al supermercato più vicino e a non fare nessun tipo di attività fisica tantomeno trekking, ma una volta l'intero mondo è stato conquistato camminando, i romani quando dovevano andare in Hispania per conquistarla camminavano due mesi e andavano lì a combattere.

    Dov'è il problema?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Paolo
    Lv 7
    2 mesi fa

    CI METTEVANO PIU' TEMPO .............!!!!!!!!!!!!!

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Hanno inventato le strade proprio perchè erano stufi di camminare male su suolo accidentato....

    Attachment image
  • 2 mesi fa

    Allora non c'erano automezzi e treni e se volevano conquistare altre terre l'unica soluzione era camminare a piedi per centinaia e migliaia di chilometri con addosso  pesantissime attrezzature militari e vettovaglie. Così i romani sono arrivati persino oltremanica. L'antica Roma è diventata grande e potente perché le sue armate riuscivano a superare anche gli ostacoli più impervi, a piedi e a cavallo... 

  • 2 mesi fa

    I Romani, come tutti gli altri popoli fondatori di imperi dell'epoca premoderna, si spostavano a piedi, a dorso di mulo, o a cavallo. Ogni legionario romano portava su di sé un carico di circa 30 kg, comprensivi di zaino contenente razioni di grano per alcuni giorni, picchetti per la tenda, tenda, zappa (dolabra), spada (gladius), corazza (lorica), elmo (galea o cassis). Le armi (scudi e lance), le vettovaglie e i carichi più ingombranti e pesanti erano trasportati su carri trainati da buoi, asini, cavalli da tiro (le cosiddette salmerie). I Romani erano abituati a marciare a piedi per 30 km al giorno. Al termine di una giornata di marcia, costruivano un accampamento provvisorio munendolo di vallum e agger (terrapieno e trincea), e lo fortificavano con una palizzata. Inoltre i Romani, una volta consolidato il dominio su un territorio conquistato, procedevano quasi immediatamente alla costruzione di strade lastricate, di ponti, di gallerie e trafori per rendere più agevole e capillare il controllo della regione. Lungo le vie consolari romani erano presenti stationes, mutationes e mansiones a distanze regolari, in modo tale che i viaggiatori e i messaggeri imperiali potessero riposarsi, rifocillarsi, ripararsi dal maltempo e cambiare cavalcatura se necessario. In ogni caso, i Romani preferivano viaggiare e spostarsi soprattutto per mare, imbarcandosi su navi onerarie (da carico) o da guerra, perché era la modalità di trasporto più semplice, veloce e sicura, tempeste, pirati e naufragi permettendo. I viaggi via terra erano più lunghi, faticosi e pericolosi sia per la presenza di animali feroci (orsi, lupi, cinghiali eccetera), sia a causa della minaccia costante dei briganti. In ogni caso, questo non ha impedito ai Romani di creare un impero che si estendeva dalla Britannia all'Egitto e dalla Spagna all'Armenia!

  • Ragno
    Lv 4
    2 mesi fa

    Camminando tanto?

    Comunque la ruota è stata inventata prima... come anche erano già presenti cavalli e muli...

    Sarebbe stato un problema andare in battaglia a piedi se gli avversari avessero  mezzi di trasporto  e loro no, ma le codizioni dei trasporti erano  grosso modo uguali per tutti.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    a piedi fai il giro del mondo, che problema c'è?

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Camminando?    

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.