Vi hanno detto o vi diranno :complimenti lei è incinta eravate o sarete raggianti? La maternità è l'esperienza più importante per una donna?

Aggiornamento:

Complimenti per la chiarezza dell'analisi

Aggiornamento 2:

Wanial risposta eccellente, grazie anche a Blu

Aggiornamento 3:

Buona giornata 

3 risposte

Classificazione
  • wanial
    Lv 7
    2 mesi fa
    Risposta preferita

    era un concetto vecchio specialmente tanti anni fa, le donne credo che lo prendessero come qualcosa che doveva essere compito solo delle donne soggette a mariti con poco sale nella zucca, che ne facevano sfornare in continuazione per ignoranza atavica senza pensare che mettevano al mondo esserini chenon chiedevano di nascere per poi andare a lavorare appena camminavano, per i maschietti, e le bambine subito a capire quale ruolo soggetto ai genitori in tutto, senza istruzione e con pochissimo amore salvo eccezioni......il giudizio sulle donne era fermo all''eta'' della pietra...passando i secoli si e'iniziato a capire che donne e uomini dovevano avere pari dignita'' in tutto...discorso difficile da accettare anche per alcuni omuncoli, ma lotte dalle suffraggette in poi abbiamo avuto , non tutto, ma quasi gli stessi diritti e il concetto di maternita', salvo ancora per pochi incoscienti maschi e femmine, la maternitá é vissuta tra gioia e dubbi, paure e allegria, che poi si trasforma in gioia quando si stringe tra le braccia un esserino delicato, bello, dolce che aspetta tutto dai genitori....sicuramente la miglior cosa e'' diventare madre e padre desiderandolo da ambedue i genitori, anche se spesso chi fatica di piu'e' la donna se ha anche un lavoro, ancora sono poche le coppie nelle quali la donna puo'rinunciare al suolavoro per dedicarsi anima e corpo alla crescita dei figli..specie adesso ...e nasce un po'di egoismo, da una parte e'un bene, meglio non averne se accettarli a malincuore o pensare che non si possano crescere come si vorrebbe......e'' una scelta da fare per i due genitori, scelta consapevole , per non mettere al mondo bambini che un domani non avrebbero cure giuste....ma e'' ancora troppa la gente che ignorando quello che fanno e i danni per i nascituri va come nel medioevo...con la fatidica frase..hj sono venuti che dobbiamo fare...la cultura manca in ogni caso..penso che per molti sia meglio evitare di mettere al mondo bimbi e farli soffrire per carenze

    Personalmente ho lasciato un lavoro , non male, anzi molti avrebbero messo la firma per averlo, ho ragionato e ho preferito crescere i miei pargoli cercando di dar loro il possibile, mi e'' andata bene, e adesso posso lavorare in tranquillita', anche se il periodaccio ci mette lo zampino qualche volta, ma mi piace il lavoro che faccio, e sono ultracontenta dei miei pargoli...é stata una scelta, ponderata e accorta, non priva di sofferenza seria non capricciosa, ma superata

  • ?
    Lv 7
    2 mesi fa

    Veramente appena mi hanno confermato che ero incinta ho avuto un momento di terrore!

    La gioia è venuta dopo :)

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Non me l'hanno mai detto (sono ancora troppo giovane) e probabilmente non me lo diranno mai in quanto non ho alcuna intenzione di restare incinta (penso che se mai vorrò un bambino farò in modo di adottarlo). Per quanto riguarda la maternità sono in disaccordo: lo stereotipo della donna che bada ai bambini è ormai obsoleto. Sono sicura che per una persona che vuole diventare madre sicuramente la maternità è un' esperienza molto importante, così come può esserlo per un uomo. Ad altre donne la maternità potrebbe non interessare, potrebbe essere vista come un peso o semplicemente come il periodo in cui cresci tuo figlio...e va benissimo così: sicuramente non sono da meno rispetto a coloro che hanno figli, che dicono che la maternità è fondamentale o che una donna deve essere una madre.  

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.