L'Fbi sapeva che ci sarebbe stata la "guerra" a Washington e informò la polizia?

"L'Fbi ha condiviso con gli altri partner delle forze di sicurezza le molte informazioni di intelligence" ricevute in anticipo circa le possibili violenze a Washington. Lo ha reso noto Steven M. D'Antuono, dell'ufficio Fbi di Washington, in una conferenza stampa, confermando quanto rivelato dal Washington Post, ovvero che l'Fbi aveva diramato un rapporto in cui si avvertiva che alcuni estremisti si sarebbero recati nella capitale il 6 gennaio con piani "di guerra".Un giorno prima dell'assalto della folla dei sostenitori di Donald Trump a Capitol Hill, l'ufficio del'Fbi in Virginia aveva diramato un avvertimento interno sull'intenzione di alcuni estremisti di recarsi a Washington per compiere violenze e "guerra" aveva anticipato il Washington Post dopo aver visionato il documento che contraddice le dichiarazioni ufficiali sul fatto che la Capitol Hill Police, responsabile della sicurezza dell'edificio sede del Congresso Usa, non avesse responsabilià nella falla di sicurezza che ha permesso l'assalto "imprevedibile".

2 risposte

Classificazione
  • 2 mesi fa

    La prossima volta si riuniranno in giardino.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Sai com'è, di esperti del giorno dopo, è pieno il mondo. 

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.