Cosa? Perché? In un paese normale lo ius soli è semplicemente scontato, non dovrebbe nemmeno essere in discussione?

Dico scontato perché mi pare completamente ovvio che se un bambino nasce in un luogo debba in automatico nascere "cittadino": è il primo legame che ha non appena venuto al mondo, cittadino di quale altro paese dovrebbe essere quel bambino che nasce in Italia? Micronesia forse? Lo ius soli semplicemente si accorda con la natura: sei cittadino del luogo in cui nasci. Non è "civiltà", è proprio semplicemente naturale.

Però c'è un però, in un mondo normale esistono parimenti organi preposti a combattere ed impedire l'immigrazione illegale. Quello che è stato fatto dalla sinistra è stato l'usare un principio naturalissimo come grimaldello per favorire l'immigrazione illegale, pervertendolo.

In un mondo normale, con delle policy sulla falsariga del "No Way" australiano, saresti meglio disposto verso lo ius soli? 

Grazie

12 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    Lo ius soli é semplicemente una follia.

    Mi stupisce che proprio tu sia favorevole vista la tua linea di pensiero. 

  • 1 mese fa

    No, con delle policy sulla falsariga del "No Way" australiano, non sarei meglio disposto verso lo ius soli. Un lupo partorito al canile, resta lupo, un canide lupino, non diventa un barboncino. Lo ius soli è un non-senso perché di principio nega il concetto di razza. Le razze negre non possono essere paragonate a quelle bianche, non sono integrabili, non lo sono negli Stati Uniti e non mi risulta che i genitori dei tanti "negretti" nati in Italia addestrino buoni cittadini: dal momento che sono fondamentalmente selvaggi, allevano selvaggi. Gli "antirazzisti" di oggi sono "intelligenti" come le capre... più o meno come le femministe... o come i covidioti.

  • Paolo
    Lv 6
    1 mese fa

    Quindi il nascituro in Italia di una coppia radicale islamica tipo Pakistani, educato dai genitori in maniera tutta tipica del loro Paese, secondo te sarebbe un cittadino italiano? Sei proprio fuori di testa, quel ragazzino di italiano non ha un bel niente se non la nascita e ciò non basta per essere italiano

  • 1 mese fa

    In un mondo normale, cioè in un mondo etnonazionalista, l'immigrazione non esiste quindi non esistono bambini stranieri o figli di immigrati.

    Non solo non va concesso nessun tipo di "ius soli", ma vanno espulsi immediatamente tutti gli alloctoni bambini compresi

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    1 mese fa

    Sei un poveraccio che cerca attenzione sparando grottesche amenitá.

  • 1 mese fa

    ancora questo falsa problema .per quelli che non lo sanno la ius soli ce gia ,,uno che e nato in italia anche da ambi genitori stranieri al compimento di 18 anni devi scegliere ripeto deve scegliere di essere o cittadino italiano o straniero '' se una famiglia straniera e in vacanza in italia e la nascita del loro bimbo succede in italia non per forza il bimbo deve avere la cittadinanza italiana lo trovo assurdo    

  • Paolo
    Lv 7
    1 mese fa

    IO INVECE PENSO CI SIA DA DISCUTERE.................!!!!!!!!!!!!!!

  • Anonimo
    1 mese fa

    Assolutamente sì. Concordo con il tuo post, sarebbe giusto riconoscere pari diritti e doveri se nasci qui. Il problema però come tu stesso sottolinei è il fatto che qualcuno stia facendo il doppiogioco. Alcune correnti politiche vogliono favorire un invasione per poi elargire a mani larghe tutti quei benefici che costano alla comunità, estendendone gli effetti alle famiglie e parenti vari, ignorando volutamente che questo comporterebbe un immenso ammanco di denaro nelle casse statali, visto che i fondi raccolti sono quelli versati precedentemente dalle famiglie realmente nate qui, che da più generazioni pagano i contributi. Soldi per strade, scuole e istruzione, ospedali e cure mediche, case popolari, caserme, pensione ecc. Questo provoca uno squilibrio socio-economico, perchè i nuovi nati sarebbero tantissimi, le loro famiglie giunte a milioni da fuori non avrebbero mai versato un solo centesimo e tuttavia godrebbero degli stessi benefici. In conclusione, così facendo si causa la morte di una nazione. Gli ingressi vanno limitati ed è anche giusto selezionare sulla base dell'utilità, come già avviene in molti altri paesi.

  • 1 mese fa

    Lo ius soli sarebbe una follia. Punto! La cittadinanza a un nuovo nato da famiglia straniera può essere concessa solo su esplicita richiesta dei genitori. Ovvero, non può essere concessa automaticamente...Così avviene in quasi tutti i Paesi del mondo. Può capitare che non tutti la gradiscano.

  • 1 mese fa

    @ Caro Paolo, una coppia radicale islamica non ci dovrebbe proprio aver messo piede nel paese. Leggi bene la mia domanda.

    Per impedire che due genitori facciano nascere il bimbo in uno stato solo per fargli ottenere la cittadinanza - problema per esempio sottolineato da Trump e comune negli Usa - basterebbe uno ius soli che tenesse in considerazione la data di concepimento (presunta e standardizzata a nove mesi), invece che quella di nascita. Basterebbe stabilire che i genitori debbano aver risieduto legalmente sul territorio nazionale dalla data del concepimento con un visto diverso da quello turistico. Il principio sarebbe salvo e il problema delle nascite all'estero sarebbe risolto. Ripeto che secondo me il principio è corretto, basterebbero politiche sul modello australiano.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.