Cosa temete di piu', virus, vaccinazione, terza ondata, il simpatico equilibrio di Renzie o cosa altro?

17 risposte

Classificazione
  • wanial
    Lv 7
    1 mese fa
    Risposta preferita

    veramente mi stanno preoccupando coloro i quali siedono, per soldi, in Parlamento......in che mani e'stato messo il Parlamento e il futuro del nostro Paese

  • Anonimo
    1 mese fa

    La sinistra che ci sta facendo diventare come lo Zimbabwe

  • 1 mese fa

    Temo tutto, temo la cattiveria della gente

  • Anonimo
    1 mese fa

    l epidemia di mbecilllità che sta scorrazzando ovunque

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Regina
    Lv 5
    1 mese fa

    Della vaccinazione non mi preoccupo, non riusciranno a impormela, e se diventerà obbligatoria, una volta per tutte leverò le tende da questo paese che di bello ha solo l'aspetto geo-morfologico. 

    Mi preoccupa il mondo post-vaccinazione piuttosto: ci sono tante ipotesi al riguardo, e una di quelle che già ora stanno diventando realtà è il cosiddetto "reddito universale" che sembra tanto una bella cosa, ma che altro non è che una nuova interpretazione del comunismo. 

    E poi, sempre riguardo al mondo post-vaccinazione, mi spaventa la moneta digitale, a causa della quale l'autonomia degli individui sarà soppressa. 

    E non meno importante, mi spaventa la gran quantità di missili depotenziati americani (e quindi utilizzabili senza troppi sensi di colpa) sparsi sul suolo europeo. 

    E niente, prevedo, naturalmente ironicamente, un futuro roseo, almeno per Europa e Nord America.

  • 1 mese fa

    L'aumento del debito pubblico

  • 1 mese fa

    Temo di più il clima disumano che si respira, persone impaurite, persone arrabbiate incapaci di mettersi un attimo dal punto di vista dei concittadini, patiti di Conte and company che augurano la morte di Covid ai "negazionisti", anti-vaccinisti che augurano la morte a causa delle complicazioni del vaccino a chi si vaccina, persone che non temono il virus che non hanno rispetto per la paura di chi lo teme, persone che non hanno perso il lavoro che non hanno rispetto per chi sta vivendo drammi a livello lavorativo e protesta per rivendicare il proprio diritto al lavoro, persone che paragonano gli studenti che protestano nel freddo invernale per tornare a scuola dopo mesi di assenza a se stessi quando da ragazzi andavano a farsi una gita giornaliera per scioperi di cui nulla gli importava o che speravano nella neve per stare tre giorni a casa (tre giorni non sono mesi!), persone che in nome della pandemia si sono abituate a condannare con un moralismo del tutto fuori luogo tutto ciò che per loro è superfluo come se tutti dovessero essere come loro e come se certe cose che per loro sono superflue per altri non fossero necessarie.

    Temo inoltre l'abitudine che in troppi stanno adottando alla privazione dei propri diritti, campagne mediatiche che vanno in direzione di quelle dei peggiori regimi totalitari, una politica priva di ogni logica che ieri ti dice che le mascherine non servono a nulla manco negli ospedali e oggi decreta che sono necessarie anche quando cammini da solo in strade dove è possibilissimo mantenere le distanze dagli altri, che ti dice "saremo pronti se arriverà il Covid" e quando arriva il Covid reagisce chiudendo tutti in casa per più di due mesi, che finge di preparare per mesi il rientro nelle scuole e dopo un mesetto le chiude, che ti dice "chiudiamo oggi per salvare il Natale" e a Natale ti dice "scordatevi i cenoni, chiudiamo a Natale per evitare la terza ondata", che visto che la terza ondata non arriva muta al ribasso gli indici per le fasce in modo da imporre ulteriori restrizioni e farci percepire una terza ondata che non c'è né può esserci visto che la seconda non è terminata, che accenna a ricatti o tessere sanitarie per imporre a chiunque un vaccino non sufficientemente sperimentato, che usa parole sempre più sprezzanti e arroganti nei confronti di milioni di persone che in Italia stanno vivendo drammi legati alle decisioni cervellotiche prese in alto loco, una politica che si è presa pieni poteri nei confronti dei cittadini ma quando si tratta di individuare i responsabili del fallimento dice di non potere nulla perché a decidere è sempre un altro (il governo per i governatori, i governatori e il CTS per il governo) e alla fine individua come responsabili i cittadini medesimi per non aver seguito regole scritte coi piedi e più dannose del virus medesimo.

    Temo insomma chi gestisce tutta questa situazione e le reazioni nostre, apatiche, rabbiose, insensibili, prive di una visione altra e dell'amore per la vita e per il prossimo, e incapaci di reagire tutti insieme a quanto ci stanno facendo con la scusa del Covid, reagire in modo determinato e razionale, senza abbandonarsi alla rabbia e alla cattiveria, temo la depressione crescente che vedo negli sguardi di chi incrocio per la strada. In un anno stiamo regredendo a uno stato completamente privo di umanità, gioia di vivere e di amare la vita e i nostri simili.

  • Anonimo
    1 mese fa

    Incredibile come quel ritardato di V tema cose inesistenti ma non abbua nessun riguardo per i problemi reali. 

  • Il permanere dell'attuale classe politi al governo. Cià!

  • Blu.
    Lv 7
    1 mese fa

    Virus e Renzi                       

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.