Salvini, i soliti sospetti su Silvio?

“Abusivi”, “poltronari”, “complici”. Matteo Salvini in queste ore non si trattiene. E’ furibondo perché il tentativo di disarcionare il premier Conte è  fallito. grazie al contributo – non determinante ma altamente simbolico – di Forza Italia: “Causin e Rossi sono stati eletti anche con i nostri voti” ha sibilato. Il punto però è un altro: due pezzi da novanta del partito, Renata Polverini a Montecitorio e Maria Rosaria Rossi a Palazzo Madama, hanno disertato nell’attimo cruciale. L’ex governatrice del Lazio avvisando con un sms in tempo reale, l’ex tesoriera azzurra a bruciapelo. Ma Salvini non ci crede, vede l’ombra di Berlusconi dietro la doppia mossa. Nel clima di reciproci sospetti e diffidenze che avvolge il centrodestra come un cupo mantello, il leader della Lega legge quei voti in filigrana come un segnale del Cavaliere a Conte. Ricambiato dall’amo della legge proporzionale – che oltre ai cespugli attira metà dei gruppi forzisti in ambasce per la ricandidatura – lanciato platealmente in aula. Insomma, uno scambio di amorosi sensi a spese altrui.

3 risposte

Classificazione
  • Paolo
    Lv 6
    1 mese fa
    Risposta preferita

    Il noto e popolare Andreotti era solito dire: a pensar male qualche volta ci si prende... e lui di politica ne capiva più di altri. Ovvio che il Berluska non voglia andare ad elezioni anticipate perchè Meloni e Salvini faranno man bassa dei voti nell'elettorato del CDX

  • Anonimo
    1 mese fa

    Salvini furibondo? Certo, ma ti dirò che non sono poi così tanto convinto che il centrodestra (a parte forse la Meloni che continua ad invocare il voto) abbia tutto questo desiderio di prendersi in carico oggi la patata bollente di un governo in periodo di piena pandemia e di piena crisi economica. Credo piuttosto che siano ben felici di lasciare ad altri l'ingrato compito stando all'opposizione a criticare e basta ma pronti ad intervenire quando la situazione sarà ritornata ad una parvenza di normalità. Se è come penso da qui ad un anno in caso di crisi definitiva del governo Conte ci potranno essere dei governi tecnici o dei governi di larga intesa ma per il centrodestra bisognerà aspettare che trascorra il semestre che precede la nomina del nuovo Capo dello Stato poi il miglioramento della situazione pandemica e quindi si slitta a non prima della metà del 2021. 

  • Anonimo
    1 mese fa

    Concordo con Paolo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.