Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

come valutare deprezzamento auto?

dovrei vendere la mia auto

essendo che la ho comprata dal concessionario come kilometri zero, ovvero la ha intestata a lui e rivenduta a me per farmi risparmiare sul'IVA.

Come devo valutare il deprezzamento dovuta alla vendita km zero? quanta percentuale devo scalare?

5 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 7
    3 mesi fa
    Risposta preferita

    Parliamo da commercianti, ragioniamo come chi fa business con le auto, professionisti del commercio auto.

    Appena viene immatricolata, l' auto perde il valore dell IVA, quindi il prezzo se la rivendi, scende immadiatamente del 22%.

    Una km zero, appena la prendi, tu sei il secondo proprietario, questo le toglie un ulteriore 15 - 20 %.

    Mettiamo dei valori: l' auto costa 30000 €.   

     Appena immatricolata, se la rivendi senza nemmeno essere salito sopra,  il suo valore è 23400 €.

    Se sei il secondo proprietario e la rivendi a quello che sarebbe il terzo, te la paga circa 18000 €.

    Nel primo anno di vita, l' auto perde il  10% del valore a nuovo, quindi, dopo un anno, la tua auto vale 15000 €.

    Ha perso esattamente la metà del suo valore.

    Poi scende del 10% all' anno, ma sul valore di quel momento, non sul valore a nuovo.Quindi, il secondo anno, vrà perso 1500 € e varrà 13500.

    Dopo 5 - 6 anni, si stabilizza sui 6000 - 7000 €, dipende dalle condizioni.

    Il km zero va beissimo se pensi di tenere la vettura per almeno 5 anni, altrimenti sei fatto, ti bagni un mare di soldi su quella macchina.

    Quando la vettura ha più di 5 anni, il numero di proprietari non è più importante.

    Fonte/i: www.facebook.com/marco.merani
  • Anonimo
    3 mesi fa

                    

  • ?
    Lv 6
    4 sett fa

    nn sarai mai eternamente senza soldi 

  • 3 mesi fa

    all' applicazione delle targhe - 20% sul prezzo di vendita, poi - 10% ad ogni anno, si stabilizza al 15% del suddetto prezzo ma dipende dall' uso.L' unica auto che non soggiace a questa impostazione di massima è la Fiat Panda che è sempre un assegno circolare, per le moto idem salvo che per il GS della BMW 

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 3 mesi fa

    Il chilometro zero è una prassi molto diffusa legata ai minimi di fatturato che devono essere raggiunti dai concessionari: se il concessionario prevede di non raggiungere gli obiettivi di vendite prefissati acquista di tasca sua un certo numero di autovetture che, naturalmente, non potrà più vendere come nuove perché già immatricolate.

    Per l'acquirente quindi la convenienza è notevole: macchina nuova e in pronta consegna ad un costo inferiore spesso di parecchio perché non c'è più il vincolo del listino dal quale il concessionario non può prescindere per le regole della concorrenza leale. Per calcolare il valore della propria vettura, al momento di rivenderla, indipendentemente da come la si è acquistata, l'unico modo è fare riferimento a dei listini come ad esempio quello pubblicato da Quattroruote. Si potrà eventualmente provare a spuntare di più, se la vettura ha pochi chilometri o molti accessori extra, ma solo in una contrattazione con un privato ingolosito altrimenti sono tutti argomenti che nemmeno vengono presi in considerazione.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.