Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureLingue · 1 mese fa

Dubbi sulla costruzione "interrogativa indiretta" e sul condizionale! Entrate così vi spiego meglio?

In poche parole vorrei sapere se posso usare il condizionale in una frase del genere (vedi esempio sottostante), il dubbio sorge dal fatto che inizia con "chissà" (in tal caso può considerarsi "interrogativa indiretta" la forma? oppure quest'ultima deve inziare per forza con "penso che", "credo che" etc?)

La frase è questa: "Chissà se una messa a punto dell'avantreno riscirebbe a migliorare la stabilità della vettura, distribuendo il peso in maniera più omogenea?"Il primo dubbio è sul condizionale, so che si può usare nelle costruzioni interrogative indirette, anzi addirittura il condizionale dovrebbe essere obbligatorio nel caso, però non so se questa frase appartenga o no a tale categoria!Secondo dubbio, posso usare alla fine il punto interrogativo? Su alcuni siti, anche autorevoli, ho letto che il "chissà" richiede esclusivamente il punto esclamativo alla fine della frase che lo segue oppure il punto normale. Questa considerazione mi porta a dubitare ancora di più sull'effettiva natura semantica della mia frase... Per cui, riassumendo, la forma è o non è un'interrogativa indiretta? Si può usare il condizionale? Va bene o no il punto interrogativo alla fine?Help!!! :-)

2 risposte

Classificazione
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.