Anonimo

Cosa mi consigliate? Faccio bene secondo voi?

Sono un giovane di 30 anni, con una laurea triennale e una recente e breve esperienze lavorativa come impiegato in un industria alimentare. Data l'incertezza e la crisi lavorativa del momento, mi è venuta l'idea di diventare apicoltore, associandomi ad una coperativa e seguendo un corso di formazione. 

L'idea mi è maturata per un interesse e per il fatto che dopo aver mandato per mesi curriculum a tante aziende non ho ricevuto concretamente nessuna offerta. 

Avrei forse la possibilità di lavorare come operaio ma con tutto il rispetto (vedendolo con i mie occhi), preferisco lavorare in modo indipendente e all'aria aperta. 

Forse avrò un guadagno più basso ma ne gioverà la mia salute. 

Cosa ne pensate?

5 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa
    Risposta preferita

    Come tuo coetaneo e più o meno nella tua stessa condizione, posso solo dirti che se hai le idee chiare...perché non provarci? 

    Hai l'interesse per il mestiere, ci sono delle condizioni che potrebbero interessarti...e non è detto che il guadagno sia basso.

    Delle due, meglio sbattersi per sé stessi, che per altri. Soprattutto quando questi ultimi ti trattano come una pedina e non come una persona.

    Concludo con una riflessione personale. Siamo venuti su con l'idea del "posto fisso". Non importa se ci sfruttano, non importa se ci umiliano...l'importante è avere lo stipendietto il 27 conquistato a suon di "signorsì". 

    Dappertutto il sogno è quello di guadagnare, bene si spera, facendo qualcosa che non ti rovini il fegato e la sanità mentale.

    Noi italiani, invece, gioiamo per un posto fisso a 1100 euro alle Poste Italiane.

    Quindi, provaci. Io credo, in un altro settore, che probabilmente tra qualche tempo mi butterò. 

    Ribadisco, chi dice che sicuramente andrà male?

    In bocca al lupo.  

  • Anonimo
    1 mese fa

    Ho un figlio della tua età quindi ti parlo come parlerei a lui!

    Apicoltore??? ... ma che càzzo ti viene in mente di fare un lavoro come l'apicoltore nel 2020. Un lavoro a dir poco medievale! Allora tanto varrebbe che tu facessi il menestrello, il calderaio, l'arrotino o lo zampognaro!!

    Con una laurea in mano poi! Ma che laurea c'hai, in scienze della comunicazione o in scienze politiche.. perché allora me lo spiegherei, tra andare a disegnare le madonne coi gessetti sotto ai portici (occupazione tipica per quel tipo di "dottori") fare l'apicoltore o lo zampgnaro sarebbe meglio!

    E tuo padre che dice??? Me lo immagino... chi lo vorrebbe un figlio zampognaro???

  • Anonimo
    1 mese fa

    Beh, se volessi farlo ti possiamo solo che ringraziare, le api sono fondamentali e mantengono in vita il nostro pianeta. Grazie, e ti auguro il meglio. 

  • ept
    Lv 7
    1 mese fa

    Se lo fai come ripiego, no. Se lo fai per passione, non solo per "l'aria aperta", si.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Secondo me devi analizzare bene le motivazio i e separare le considerazioni su potenzialità del business dall' interesse allo stile si vita.

    Si apre un'attività imprenditoriale x la si ritiene conveniente. Quindi fatti un business plan e confronta la convenienza economica dell'apicoltira con altri possibili occupazioni, soppesando ogni attività per coefficienti correttivi che tengano conto anche dei diversi gradi di incertezza e del tuo gradimento personale per una o l'altra attività.

    Se quello che ti ho scritto non ti è chiaro o non sei in grado di farlo, lascia perdere x non hai le competenze per gestire un'attività in proprio.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.