Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Princeton ha chiesto in Politica e governoPolitici · 2 mesi fa

Perchè Brunetta è odiato così tanto dai dipendenti pubblici?

Non ho mai sentito parlar bene di Brunetta da codesti.

Ora, lo fanno per partito politico preso a priori (so benissimo che la maggiorparte dei dipendenti pubblici sono di sinistra, quindi guai a spendere mezza parola di stima verso uno di destra) oppure perchè effettivamente ha fatto danni?Ah, e noto con piacere che il 90% delle opinioni che danno su Brunetta riguardano il suo aspetto fisico. A sinistra sono tutti modelli della Intimissimi?

13 risposte

Classificazione
  • Acq
    Lv 7
    2 mesi fa

    Il cosiddetto "bodyshaming" vale solo per le ciccione di sinistra. Quelli di destra li puoi maltrattare quanto vuoi.

    Quanto alla politica, ai dipendenti pubblici, come agli autonomi, non piace vengano toccati i propri diritti. E fin qui, tutto normale.

    Personalmente sono dipendente pubblico da meno di 2 anni, prima ho lavorato anni come cococo. Sarà che sono arrivato quando la riforma Brunetta era già operativa, ma mi è sembrata un'ottima riforma.

    La parte più criticata è quella che riguarda la malattia: i primi giorni di malattia, indipendentemente dalla durata, non vengono pagati.

    Può sembrare scandaloso, ma è anche vero che per un dipendente pubblico è molto più facile farsi fare un certificato medico e prendersi 1 - 2 giorni di malattia, laddove un dipendente privato, se si assenta, è per periodi più lunghi.

    Per me ci sta: non sono 7 € in meno di stipendio a mettere in difficoltà.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Ti faccio un esempio.

    Sono un'insegnante precaria da anni e se sto male e sto a casa (con stare male intendo proprio male) mi viene simpaticamente decurtato lo stipendio perché   quello ritiene che uno stia male per finta e che abbia solo voglia di non fare nulla, quindi mi tolgono ancora dei soldi da quello magro stipendio che prendo (quando lo prendo). Tanto sono in vacanza no? 

    Rende l'idea?

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Parlo da impiegata statale O:) ...

    Perché la sua riforma sulle valutazioni dell'operato dei dipendenti, pur partita con buone intenzioni, ha avuto effetti nefasti e prodotto all'interno degli uffici dinamiche simili, se non peggiori, rispetto a quelle che ci sono a scuola.

    Nella mentalità di quella riforma, ci deve essere per forza un bravo da premiare ed un cattivo da punire. Capita così che in un ufficio di gente bravissima, preparata e volenterosa venga penalizzato quello appena meno capace o magari solo più timido e/o meno leccapiedi, ed in un contesto di fannulloni totali che venga premiato chi lo è appena meno degli altri. Insomma, a seconda del contesto può venire premiato un fannullone, mentre in un altro viene penalizzato quello molto più capace di lui.

    Fortunatamente poi hanno corretto un po' il tiro, ma ormai il danno era fatto e da certe dinamiche non si torna più indietro. Se si ha un capo ufficio fazioso, che va a simpatie e semina zizzania tra i dipendenti, è la fine...

  • Anonimo
    1 mese fa

    Lo disse de andré "un nano é una carogna di sicuro perché ha il cuore troppo troppo vicino al buco del c  u  l  o" dalla canzone Il giudice

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    La riforma Brunetta (d.lgs. 150/2009) ha introdotto una riforma sia delle progressioni verticali sia di quelle orizzontali. Quanto alla progressione verticale ossia la progressione di carriera i requisiti si sono innalzati (laurea per categorie superiori e master aggiuntivi per posizioni organizzative a capo del personale di una UOC), difatti si può constatare una netta diminuzione delle progressioni di carriera dato che in precedenza tanti assistenti amministrativi per esempio divenivano collaboratori con un semplice concorso interno e i collaboratori potevano ambire a posizioni organizzative e di coordinamento, quale qualifica intermedia tra la direzione dipartimentale e la direzione di struttura complessa; quanto alle progressioni orizzontali sono stati introdotti dei strumenti di valutazione (gli OIV o Organismi interni di valutazione) dunque vi è un punteggio apposito a seconda dell'andamento degli ultimi tre anni per l'ottenimento della fascia di merito (il cd. ciclo di valutazione della performance) ed in caso positivo, sono attribuiti dei premi. Occorerebbe citare anche l'ex Ministro della Pubblica Istruzione Marianna Madia che ha introdotto controlli e sanzioni per i furbetti del cartellino con eventuali sospensioni cautelari senza stipendio con conseguente procedimento disciplinare da parte degli UPD per contrastare i fenomeni di malaffare (concetto già introdotto con la legge anticorruzione, la L. 190/2012) e soprattutto l'introduzione del Piano Triennale dei fabbisogni che comportò una percentuale ridotta del personale interno che può essere assunto, non più in base al principio di pianta organica bensì in base al principio di reale fabbisogno della dotazione in organico (inizialmente il 20%, ora nel nuovo Piano il 30%).

    Concordo con l'altro utente, specie sulla seguente affermazione: «Se si ha un capo ufficio fazioso, che va a simpatie e semina zizzania tra i dipendenti, è la fine...». Difatti annualmente il proprio Direttore di struttura redige annualmente una valutazione di ogni suo singolo dipendente d'ufficio e gli assegna un punteggio su base 100: tale valutazione viene mandata all'OIV di cui ogni ufficio dispone. È chiaro che se si creano disagi ambientali tra colleghi o controversie tra di loro si crea un clima instabile ed improduttivo e dunque questo nuovo concetto di cultura dei risultati penalizza l'operato del dipendente stesso ma anche, bisogna dirlo, del direttore di struttura che avrà una valutazione negativa, quale conseguenza del fallimento del raggiungimento degli obiettivi per non essere riuscito a tenere insieme la propria "squadra" dei dipendenti (a volte c'è chi chiede il trasferimento o tramite la cd. "posizione di comando").

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Brunetta è il  più odiato  dagli e degli italiani.

  • Beavis
    Lv 7
    2 mesi fa

    Perchè è stato il primo che GIUSTAMENTE ha preteso che i fannulloni della pubblica amministrazione venissero penalizzati, invece che protetti! Aggiungo che fosse per me li licenzierei proprio, altro che penalizzarli!

    Circa le battute sul suo aspetto fisico, come hai notato, il politicamente corretto ti protegge SOLO se sei di sinistra, altrimenti si può vomitare qualsiasi insulto della peggiore specie!

  • Anonimo
    2 mesi fa

    queste generalizzazioni sullo stereotipo confezionato quarant'anni fa dei "dipendenti pubblici" fannulloni sono tanto odiose quanto imbecilli.

    vorrei ricordare che gli O.S.S. che ti puliscono il cùlo mentre sei immobilizzato in un letto in ospedale sono dipendenti pubblici e prendono uno stipendio da fame. Gli infermieri un po' di più, ma si fanno il cùlo uguale. E non ho mai sentito di operatori socio sanitari che rimangano a leggere il giornale mentre un malato chiama. Nè infemieri che giocano a carte mentre qualcuno ha una crisi in reparto.

    Se poi resti bloccato tra le lamiere di un incidente o ti trovi nella mèrda in mezzo a qualche casino, guarda caso arriva immediatamente una squadra di vigili del fuoco i quali, sorpresa, sono dipendenti pubblici.  Se poi ti trovi in una mezza catastrofe come un'alluvione, un terremoto o una frana, deve intervenire la protezione civile. E arriva sempre, non è che i soccorsi ritardano perchè sono tutti al bar.

    se poi ce la vogliamo prendere coi funzionari del comune o della provincia, solo perchè ti fanno saltare i nervi con la *loro* burocrazia, bisogna usare un attimo la zucca e rendersi conto che non fanno altro che applicare la legge dello stato. Sono, in fondo, stati assunti e prendono lo stipendio per fare nè più ne meno di quello che ha stabilito la legge. Se la legge dello stato è demenziale, è colpa forse dei dipendenti pubblici? no amico, le leggi le fanno i politici, destra o sinistra che siano. Proprio come lo è brunetta: un politico. Un politico che fa leggi di mèrda.

    I dipendenti pubblici sono solo dei poveracci che hanno il *beneficio* di prendere uno stipendio sicuro tutti i mesi, in fondo nemmeno tutta sta gran cifra....

    Personalmente conosco gente che lavora nel privato che è dieci volte più imboscata di qualunque fannullone di brunettiana memoria si possa trovare.

    E se proprio ne vogliamo fare una questione di parti, dx o sx, andiamo a fare i conti di quanti anni ha governato la destra dal 1948 in avanti, e quanti anni ha governato la sinistra, vedremo che la bilancia sprofonda dalla parte della prima.... se le leggi di mèrda che ci sono in questo stato le ha fatte primariamente lei, credo si possa concludere.

    Alla fine, insultare i dipendenti pubblici vuol dire solo continuare a fare la lotta tra poveri, quando la vera categoria da biasimare è quella dei politici

  • Anonimo
    2 mesi fa

    Vecchio proverbio del Veneto: Dai disgraziati da Dio, resta dieci passi indrio (indietro).

    Vorrebbe dire che chi ha dei problemi fisici prima o poi cova anche dei pensieri di vendetta e acredine verso chi ha avuto la fortuna di essere fisicamente a posto.

  • ?
    Lv 4
    2 mesi fa

    Favole che mette in giro lui stesso, per difendere la sua immagine di "riformatore" del pubblico impiego

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.