Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

certi
Lv 4
certi ha chiesto in Politica e governoElezioni · 2 mesi fa

furono necessarie le atomiche sul Giappone?

1 risposta

Classificazione
  • 2 mesi fa
    Risposta preferita

    No, non furono necessarie, perlomeno non lo furono allo scopo di far finire al guerra. 

    Ci sono parecchi documenti che sono venuti alla luce dopo anni di secretazione e dimostrano che già a luglio gli alleati sapevano che il Giappone stava per arrendersi!

    Il 12 luglio l'ufficio dell'imperatore giapponese, attraverso il suo primo ministro Togo, inviò un telegramma all’ambasciatore giapponese a Mosca che si chiamava Sato in cui chiedeva alla Russia (che ufficialmente non era in guerra con il Giappone) di fare da intermediaria per trattare la resa. 

    Il primo ministro Giapponese chiedeva come unica condizione che si rispettasse la sacralità della figura dell'Imperatore (condizione poi tra l'altro accettata dagli Usa), 

    Truman era a perfetta conoscenza dell'intenzione del Giappone di arrendersi come risulta dal suo diario autografo (reso pubblico dopo gli anni `70) dove scrive il 18 luglio (quindi 20 giorni prima della prima bomba) : «Stalin aveva messo a conoscenza il Primo Ministro del telegramma dell’imperatore giapponese che chiedeva la pace. Stalin mi disse inoltre cosa aveva risposto.»

    D'altra parte il Giappone non aveva contattato solo Mosca, ma anche il Vaticano e la Svizzera per lo stesso motivo. Se aggiungi a questo il fatto che gli Americani avevano decrittato quasi tutti i codici di comunicazione militare dei Giapponesi, gli americani sapevano benissimo che il Giappone aveva intenzione di arrendersi. 

    Tuttavia gli Usa ignorarono queste richieste, con la scusa che volevano la resa "incondizionata". La verità era un'altra, il progetto di sgancio delle bombe aveva già preso il via e gli Usa non volevano rinunciarci, non tanto per punire il Giappone, quanto perché la guerra fredda era già cominciata: Truman e Stalin si odiavano e Truman voleva lanciare un messaggio forte e chiaro non tanto ai Giapponesi, quanto ai Russi. Il messaggio era: state in campana, perchè noi abbiamo la bomba atomica!  

    Infatti, "stranamente", subito dopo lo sgancio delle due bombe, avvennero due cose interessanti: la Russia dichiarò subito guerra al Giappone (aveva capito che gli Usa non volevano intermediari per trattare la resa e quindi si erano affrettati a dichiarare guerra ad un Giappone morente per cercare di partecipare al tavolo della resa) e gli Usa si affrettarono ad accettare la condizione del Giappone di salvare l'imperatore per due motivi molto validi: 

    1) avevano ottenuto quel che volevano sganciando la bomba

    2) dovevano affrettarsi a chiudere la partita con il Giappone proprio per prevenire la mossa dell' Unione Sovietica che voleva partecipare alla spartizione del Pacifico. 

    Così ci riuscì perfettamente e i Sovietici rimasero fregati su tutta la linea.  

    La storiella delle atomiche che hanno salvato milioni di soldati americani è, appunto, solo una storiella propagandistica. 

    Diciamo che la speranza è solo quella che quelle due bombe siano servite da monito per il futuro (vedi crisi dei missili a Cuba): nessuno è un indovino per capire fino a che punto possano essere servite.... 

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.