Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 1 mese fa

A cosa servono le elezioni ?

Siccome a volte c'è molta confusione, la mia domanda è: se il Presidente del Consiglio viene nominato dal PdR previa consultazione con i Presidenti delle Camere e poi la nomina approvata dal Parlamento (mozione di fiducia), beh allora a che serve andare a votare?

Nel 2018 l'unico governo non tecnico votato dai cittadini è stato quello di Salvini... Ciò significa che allora siamo stati noi ad eleggere con maggioranza il partito di Salvini giusto? 

È qui che nasce la confusione. 

Grazie e scusate. 

Aggiornamento:

Cosa diavolo c'entra la psicologia con questa domanda?? Ma rispondete seriamente!!! Ecco perché questa community è da lasciare. Dovete solo che andare a fanc... E tu per prima, Bianca. 

Aggiornamento 2:

E ti segnalo pure grandissima stronz!a

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    Ma infatti li vediamo chiari i difetti di questa sedicente democrazia

  • 1 mese fa

    Per la SX è solo una questione di facciata.

  • Beavis
    Lv 7
    1 mese fa

    In effetti a molto poco, visto che poi ogni volta fanno accordi in parlamento che stravolgono le alleanze strette in campagna elettorale.

  • 1 mese fa

    Si elegge il Parlamento, che è quello che poi dà la fiducia al Governo. Senza fiducia il Governo non si forma. Si chiama "democrazia indiretta". Noi deleghiamo i Parlamentari a decidere se il governo va bene o no.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    Mah, in teoria serve perché alla fine è dal Parlamento che bisogna passare e i parlamentari in un certo senso li scegliamo noi.

    In pratica però al momento serve a ben poco, visto che tanto una volta eletti questi fanno quello che gli pare e non perdono nemmeno troppi consensi.

    In un Paese serio, con tutti i voltafaccia che hanno fatto in questi mesi, Cinque Stelle, PD, LEU, Lega, IV, FI non dovrebbero avere nemmeno un voto alle prossime elezioni.

    Inoltre non c'è nessun partito in Parlamento, compreso quello un briciolo più coerente della Meloni, che contesti seriamente il sistema e la gestione della "pandemia", nessuno che parli di modelli di gestione del Covid alternativi a quello messo in atto in Italia, e ne esistono in altri Paesi.

    In questo contesto andare a votare in effetti serve a poco.

    Ma il nostro grande errore, nostro inteso come maggioranza degli italiani, è quello di ritenere che il nostro diritto-dovere di essere cittadini di uno Stato democratico si esaurisca nel mettere una crocetta su una scheda elettorale. Non è così, non è semplicemente votando questo piuttosto che quello e poi standosene con le mani in mano per anni che possiamo migliorare le cose. Anche con le migliori intenzioni di questo mondo un leader politico sarà sempre sottoposto a pressioni dall'alto: ora, se non arriva una pressione costante anche dal basso, è chiaro che il politico non farà mai gli interessi di chi sta in basso. Ma ormai ci siamo abituati ad essere passivi e i risultati sono questi.

    Poi che il nostro sistema politico andrebbe rivisto sono d'accordo con te. Ma non basterebbe nemmeno quello, servirebbero cittadini più svegli e anche più attivi.

    Ciao :-)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.