Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteMalattie e disfunzioniMalattie - Altro · 2 mesi fa

I vaccini causano l'autismo?

Il fratello di una mia amica è autistico.

Era un bambino normale e aveva iniziato a parlare. Dopo il vaccino, non ha più parlato e non riusciva a capire quando lo chiamavano, lo hanno portato a Roma per fare un controllo ed è stato dichiarato autistico. Attualmente ha 8 anni, non dice una parola e può mangiare pochissimi cibi, tutti a base di verdure 

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Perfetta la risposta "copia-e-incolla" da wikipedia data da Riccardo.....

  • ?
    Lv 7
    1 mese fa

    La risposta corretta, purtroppo, è sì. In determinati soggetti, con predisposizione genetica, i vaccini causano autismo.

  • Anonimo
    2 mesi fa

    No L'autismo (dal greco αὐτός (aütós) - stesso) è un disturbo del neurosviluppo caratterizzato dalla compromissione dell'interazione sociale e da deficit della comunicazione verbale e non verbale che provoca ristrettezza d'interessi e comportamenti ripetitivi.[1] I genitori di solito notano i primi segni entro i due anni di vita del bambino e la diagnosi certa spesso può essere fatta entro i trenta mesi di vita. Attualmente risultano ancora sconosciute le cause di tale manifestazione, divise tra cause neurobiologiche costituzionali e psicoambientali acquisite[2].

    Più precisamente, data la varietà di sintomatologie e la complessità nel fornirne una definizione clinica coerente e unitaria, è recentemente invalso l'uso di parlare più correttamente di Disturbi dello Spettro Autistico (DSA o, in inglese, ASD, Autistic Spectrum Disorders), comprendendo tutta una serie di patologie o sindromi aventi come denominatore comune le suddette caratteristiche comportamentali, sebbene a vari gradi o livelli di intensità.

    A livello di classificazione nosografica, nel DSM-IV è considerato rientrare nella categoria clinica dei disturbi pervasivi dello sviluppo, cui appartengono, fra le varie altre sindromi, anche la sindrome di Asperger, la sindrome di Rett e il disturbo disintegrativo dell'infanzia.

    Con l'uscita del DSM-5, la categoria dei disturbi pervasivi dello sviluppo e tutti i disturbi in essa compresi (con l'eccezione della sindrome di Rett) è stata sostituita da un unico disturbo che li comprende tutti: il disturbo dello spettro dell'autismo o più comunemente disturbi dello spettro autistico. L'asse a cui il disturbo fa riferimento è quella dei disturbi del neurosviluppo.

    Purtroppo la presenza dei disturbi dello spettro autistico nel DSM alimenta la già presente confusione riguardo al considerare l'autismo (lo spettro autistico) non come una sindrome più di competenza della neuropsichiatria (in quanto sindrome di origine neurologica) ma della psichiatria (classificandola come disturbo prettamente mentale).

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.